L’iniziativa di Annamaria, che spiega a Stylo24: in questo momento bisogna aiutare chi è maggiormente in difficoltà

In questo momento di grande difficoltà per l’emergenza coronavirus, che ha dei contraccolpi devastanti sull’economia di ogni famiglia, Napoli riscopre il suo proverbiale «grande cuore». Nei quartieri della città si mettono in pratica iniziative di solidarietà a sostegno dei meno fortunati (e sono tanti), di coloro che non potendo uscire di casa e non riuscendo nemmeno più ad arrangiarsi, a guadagnarsi la giornata, hanno difficoltà a mettere il piatto in tavola.

E allora a Barra, si registra l’iniziativa di Annamaria. La donna, qualche ora fa, ha pubblicato un annuncio, attraverso il quale ha invitato chi avesse bisogno della spesa, «a contattarla in privato, senza vergognarsi». La redazione di Stylo24 l’ha raggiunta «virtualmente», attraverso il programma di messaggistica istantanea di Facebook. «Nel mio piccolo, ho voluto fare questo gesto – spiega Annamaria, che ci chiede di riportare solo il suo nome di battesimo – perché credo che adesso bisogna aiutarsi. E magari, se si ha qualcosa in più rispetto agli altri, si deve condividerlo e sostenere chi è maggiormente in difficoltà». Sono già arrivate delle richieste? Chiediamo.

ad

«Sì, mi ha scritto una signora e mi sto muovendo per aiutarla con la spesa». Nel quartiere della zona orientale di Napoli, tra i più popolosi, popolari e «veraci» del capoluogo partenopeo, anche altre persone si attivano per aiutare i più bisognosi. Pietro, ad esempio, racconta che all’esterno ha fatto la spesa per un uomo incontrato all’esterno di un market, e che non aveva i soldi per comprare il latte e i biscotti per i figli piccoli. «In momenti come questi sono orgogliosa di essere barrese», commenta una internauta, Stefania.