Da sinistra, la vittima, Antonio Amore, e il presunto aggressore Michele Guadagno

IL DELITTO DI IBIZA Il 33enne Michele Guadagno di Soccavo, si è consegnato alla Guardia Civil. Antonio Amore interessato da tre ferite d’arma da fuoco alla testa e tre a una gamba, sarebbe fuori pericolo di vita

Trenta ore dopo l’aggressione dello chef napoletano Antonio Amore, si è consegnato alla Guardia Civil di Ibiza, l’uomo sospettato di aver ferito gravemente a colpi di pistola il connazionale di 28 anni, nel corso di una festa in una villa privata dell’isola, nella notte tra venerdì e sabato scorsi. Si tratta del 33enne Michele Guadagno, di Soccavo, quartiere di Napoli, e legato in passato da rapporti di amicizia, al ras Pasquale Vigilia (figlio del boss Allfredo), ucciso nel 2012, in un centro scommesse. Secondo informative di polizia giudiziaria – riporta il quotidiano Il Roma -, Guadagno avrebbe svolto mansioni di autista per Vigilia jr.  

Tornando a quanto avvenuto a Ibiza, l’ipotesi principale sul tavolo degli inquirenti è che il movente dell’aggressione sia stato una lite per motivi privati, probabilmente per gelosia. Tuttavia, non sono state scartate altre linee investigative: una è quella di dissidi legati all’ambito dell’organizzazione di feste clandestine. Il presunto aggressore sarebbe arrivato al party accompagnato da almeno un’altra persona, avrebbe aperto il fuoco e poi si sarebbe allontanato rapidamente; questo si è appreso dalle prime ricostruzioni della Guardia Civil spagnola.

ad

Il dispiegamento di uomini e mezzi messi in campo per catturarlo è stato «ampio», spiega una fonte a conoscenza delle indagini. Amore è stato operato d’urgenza sabato per almeno tre ferite d’arma da fuoco alla testa e tre ad una gamba. Secondo quanto si apprende sul suo stato di salute, sarebbe fuori pericolo di vita. Un casertano di 35 anni, è invece rimasto ferito lievemente ed è stato dimesso sabato mattina dopo un breve ricovero. I tre coinvolti nella vicenda, i due napoletani e il casertano, da tempo risiedono a Ibiza.

Riproduzione Riservata