Maurizio Sarri e Pep Guardiola

Per alcuni la trattativa è cosa fatta, con tanto di contratto già pronto e cifre da capogiro. Per altri è una fake news degna di un pesce d’aprile. Pep Guardiola lascerà il Manchester City e sarà il prossimo tecnico della Juventus. Per l’allenatore catalano un quadriennale da 24 milioni di euro netti a stagione. Firma prevista per il 4 giugno, presentazione ufficiale dieci giorni dopo. Il legale del club inglese smentisce, ma i bookmakers ci credono: la quota di Guardiola alla Juventus scende a 1.50. E i rumors fanno bene al titolo del club bianconero, che vola in borsa.

ad

Sul caso pero’ e’ entrato con decisione Alberto Galassi, avvocato italiano e consigliere d’amministrazione del Manchester City. “Il nostro Guardiola alla Juve? Una corbelleria enorme. La cosa e’ totalmente priva di fondamento – ha detto Galassi – Guardiola ha ribadito che vuole restare. Ha due anni di contratto con noi, e un club strutturato come la Juventus come prima cosa avrebbe avvertito il City”. Finita la Premier League, ‘Pep e’ ora in vacanza. “E’ ad Abu Dhabi – ha rivelato lo stesso Galassi – e il primo ad essere seccato di questa situazione e’ lui. E’ un professionista serio, non riesce a capire perche’ la sua parola non venga ascoltata. Con la Juve – conclude il consigliere del Manchester City – ci siamo sentiti e scambiati whatsapp con Nedved, e ci siamo fatti una risata: la situazione e’ ridicola”.

 

Dovesse saltare la trattativa con il tecnico catalano, le tracce per arrivare al nuovo allenatore della Juventus portano sempre in Inghilterra, ma, stavolta, direzione Londra. Il club bianconero, a quel punto, si orienterebbe su uno tra Maurizio Sarri, ex del Napoli e ora al Chelsea tra pochi giorni alla finale di Europa League, e Mauricio Pochettino, in corsa per vincere la Champions con il Tottenham. Entrambi hanno una buona esperienza internazionale, ma, tra i due, Sarri sembra favorito, anche perche’ sul tecnico degli Spurs di origine italiana pesa una clausola rescissoria di 30 milioni di euro.