Jovine, direttore artistico del Comune suona alle nozze di Tony Colombo

IL VIDEO IN ESCLUSIVA – Stylo24 è entrato in possesso di una clip che mostra il bassista dei 99 Posse, punto di riferimento dell’assessore Eleonora De Majo, alla festa di matrimonio del cantante neomelodico e della vedova di camorra

Da «Curre curre guagliò» a «Ragione e sentimento»

di Leonida

La domanda è una: Luigi de Magistris e l’assessore alla Cultura, Eleonora De Majo, lo sanno? Sanno che il 50enne Massimiliano Jovine, in arte Jrm, bassista dei 99 Posse, direttore artistico di molte manifestazioni del Comune di Napoli (Primo Maggio in testa) ha suonato per gli sposi Tony Colombo e Tina Rispoli (vedova del boss Gaetano Marino)? Sì, proprio per la coppia più discussa del 2019, quella del famoso concerto-flash mob (autorizzato, non autorizzato da Palazzo San Giacomo?) in Piazza del Plebiscito del 25 marzo scorso.

ad
Leggi anche / Flash mob di Tony Colombo,
gli inquirenti a caccia dei messaggi WhatsApp

Quest’ultima vicenda ha portato la Procura a iscrivere nel registro degli indagati 8 persone, tra esse Claudio, fratello del primo cittadino partenopeo e lo stesso cantante neomelodico di origine siciliana. Ma tornando a Jovine, Stylo24 è entrato in possesso di un video che immortala il bassista mentre è impegnato a suonare alle nozze di Tony e Tina.

Il lavoro è lavoro, e su questo non si discute. Ma fa effetto guardare il direttore artistico, considerato da molti addirittura il vero assessore ai Grandi eventi del Comune di Napoli, esibirsi al Grand Hotel La Sonrisa (quello del «Boss delle cerimonie») davanti agli sposi danzanti. La sera del 29 marzo (giorno del fatidico sì con annessi carrozza e corteo di saltimbanchi a Secondigliano e trombettieri in livrea al Maschio Angioino) i festeggiamenti sono esplosi presso il castello di Sant’Antonio Abate.

Qui, a esibirsi per i novelli sposi è stata chiamata a intervenire anche Maria Nazionale, regina del panorama musicale napoletano. Ma cosa c’entra l’interprete di «Ragione e sentimento» con Massimo Jovine? C’entra e come, perché il musicista, che ha fatto dell’impegno politico la sua fortuna, arrotonda suonando il basso nella band che accompagna, appunto, Maria Nazionale durante le sue performance.

Massimiliano Jovine

Va ribadito un concetto: la pagnotta è pagnotta. Jovine ha vestito solo i panni del turnista, e nulla gli vieta di suonare qualsiasi genere per allietare chicchessia, fosse pure Tony Colombo, che la scorsa primavera è diventato il protagonista della querelle a distanza con il sindaco. Ed è però, proprio per questo, per il fatto che Jovine è così vicino all’amministrazione comunale, che la sua partecipazione alla festa di nozze trash, potrebbe far storcere il naso a più di una persona (dentro e fuori Palazzo San Giacomo) e creargli imbarazzo e problemi di opportunità.

Tra l’altro, proprio di recente, il componente dei 99 Posse ha fatto parte degli organizzatori della Notte Bianca alla Sanità. E basta farsi un giro sulla bacheca di Jrm (che tra l’altro è anche direttore artistico per gli eventi a Mezzocannone Occupato) per rendersi conto come abbia ripostato, quasi in maniera meccanica, i comunicati dell’assessore Eleonora De Majo sugli appuntamenti dedicati al Natale a Napoli con il titolo «Voglia ’e turnà», tra questi «Bentornati a casa».

Il sindaco di Napoli fa il trenino alla festa di compleanno di Egidio Giordano a Mezzocannone occupato

Un passaggio sulla manifestazione, che è stata incentrata su tre blocchi e rispettive date: 8 dicembre 2019 al Rione Sanità; 21 dicembre 2019 ai Colli Aminei; 5 gennaio 2020, ancora al Rione Sanità. Zona, quest’ultima, di importanza strategica per Insurgencia. Due dei leader del centro sociale di Via Vecchia San Rocco, occupano poltrone di primaria importanza in III Municipalità: stiamo parlando del presidente Ivo Poggiani e dell’assessore alla Cultura, Egidio Giordano (compagno di Eleonora De Majo). Quanto è costato al Comune l’allestimento dei palchi, compreso il service? Quasi 33mila euro (iva esclusa).

I sedicenti leader di Insurgencia (Egidio Giordano, Eleonora De Majo e Ivo Poggiani) in barca
Il presidente della III Municipalità Ivo Poggiani, in barca insieme all’assessore della III Municipalità Egidio Giordano e all’assessore del Comune di Napoli, Eleonora De Majo

La commessa se l’è aggiudicata Full Heads, che ha sede in Piazza del Gesù. Una etichetta discografica indipendente, Full Heads del patron Luciano Chirico e del label manager Dario Fiore, molto attiva nel circuito alternativo napoletano, che però apprendiamo dalla delibera comunale (la numero 42 del 5 dicembre 2019), fornisce anche palchi completi di impianto luci e service. Del resto uno si ingegna come può, anche Massimo Jovine, è passato da «Curre curre guagliò», hit generazionale di ribellione, suonata davanti a mezzo milione di anime in Piazza del Popolo a Roma, a «Ragione e sentimento» alla Sonrisa, per gli sposi Tony e Tina che ballano al centro della sala.

Riproduzione Riservata