TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Una lettera firmata, tra gli altri, da Jorit Agoch, che ha appena finito di realizzare il murale su Pasolini a Scampia, è finita sulla scrivania del sindaco Luigi de Magistris, con l’accusa di “gestione monopolistica della cosa pubblica”. Lo riporta un articolo di ‘Repubblica’, a firma del collega Alessio Gemma. Il testo fa riferimento ai fondi per realizzare 26 opere di street art a Napoli. Investimento importantissimo, ma che ha scatenato più di una polemica dopo l’affidamento diretto di 40mila euro da parte del Comune all’associazione Arteteca per supportare i laboratori di educativa territoriale sulla street art.

ad

Il percorso prevede la realizzazione di un’opera attraverso ognuno dei 26 centri territoriali. “La direzione Welfare – si legge – vincola di fatto gli enti abilitanti alla regia dell’associazione Arteteca per la produzione delle opere”.

 

Insomma, mettendo a rischio i vari street artist napoletani, che potrebbero essere, così, tagliati fuori, non tenendo conto “del percorso di partecipazione democratica avviato di concerto tra Comen, artisti e organizzazioni”. Delegittimando, di fatto il “tavolo per la creatività urbana” istituito dal Comune, attraverso “la creazione di sistemi di gestioni monopolisti della cosa pubblica”. Ecco perché la richiesta di “rivedere” la procedura, “a favore di una di evidenza pubblica“.

E la firma di Jorit sul documento certifica un allontanamento da Palazzo San Giacomo e da de Magistris, che tanto si spese dopo il suo arresto in Israele, già visto dopo la realizzazione dell’ultima opera a Scampia di Jorit finanziata dalla Regione. I due, a quanto si apprende, si sarebbero anche sentiti telefonicamente, ma ciò non avrebbe lenito la rabbia dello street artist nel difendere le ragioni della categoria.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT