TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Sono 6 i quintali di immondizia portati alla luce grazie a un’iniziativa promossa da tutti i sindaci di Ischia a tutela della salute del mare. Pezzi di barche, bottiglie di plastica, sacchetti di plastica, lattine: è il triste ‘tesoro’ portato a riva dai pescherecci che alle 17 di domani, venerdì 26, sarà consegnato alla società che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti per essere smaltito a norma di legge. Ora i fondali dell’isola vulcanica del Golfo di Napoli sono più puliti grazie all’intervento svolto con l’ausilio del Nucleo subacqueo dell’Arma dei carabinieri, della guardia costiera, dei pescatori e di tanti volontari.

ad

“Nella sola giornata di ieri pescati sui fondali marini ben 6 quintali di immondizia. Abbiamo trovato di tutto: cappelli, giocattoli, tubi di plastica, carte di caramelle, posate e bicchieri, cassette per la frutta rotte. E ancora nasse, un secchio, bottiglie di vetro, copertoni di ruote, reti, cime, ciabatte, mazze di scopa”, commenta Antonino Miccio, direttore dell’area marina protetta ‘Regno di Nettuno’ che coordina le operazioni ‘Ischia clean blitz’.

Un’operazione senza precedenti che sta vedendo la collaborazione di più soggetti. “Puntiamo alla protezione dell’ecosistema marino, sempre più minacciato dalla presenza di rifiuti che giacciono sia sui fondali che in superficie – continua Miccio -. I rifiuti galleggianti rinvenuti ogni anno sono numerosi e di vario tipo, come abbiamo potuto vedere anche da quanto stiamo raccogliendo in queste ore e soprattutto in una zona urbanizzata come l’Amp del Regno di Nettuno con i sui flussi turistici considerevoli e dove numerosissime sono le imbarcazioni da diporto che transitano durante il periodo estivo”.

L’aiuto dei pescatori locali

Chiamati a collaborare alla raccolta i pescatori locali che hanno dato la loro piena disponibilità ad essere di supporto in operazioni di salvaguardia e tutela del ‘loro’ mare. Le operazioni sono effettuate con il supporto dell’Amp e della Capitaneria di Porto e, grazie alla disponibilità del Comune di Ischia, il materiale recuperato sarà opportunamente trasportato presso il porto al fine di garantirne il corretto ritiro da parte del gestore del servizio di igiene urbana, la IschiAmbiente, per lo smaltimento.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT