giovedì, Agosto 18, 2022
HomeNotizie di Cronaca«Io, massacrato dagli uomini del clan con una pistola per uno specchietto...

«Io, massacrato dagli uomini del clan con una pistola per uno specchietto rotto»

Far West e anarchia a Napoli Est, l’odissea di un automobilista che con coraggio ha deciso di denunciare il ras Attanasio e gli aguzzini del gruppo Formicola: «Mi hanno colpito alla testa e alle mani»

di Luigi Nicolosi

Dalla lite nel traffico al dramma sfiorato. Un banale sinistro stradale può costare molto caro a Napoli, soprattutto se davanti agli occhi ti trovi uno degli emergenti ras del quartiere. Gente dal grilletto e dal pestaggio facili, con cui sarebbe meglio non avere nulla a che fare. Achille S. però questo lo ignorava o forse ha sottovalutato la circostanza: sta di fatto che nel giro di due giorni si è ritrovato in ospedale con un trauma cranico, delle ferite alle mani e una prognosi di quindici giorni: «Mi si avvicinarono con fare minaccioso e subito iniziarono a malmenarmi colpendomi in varie parti del corpo con calci e pugni e nell’occasione fui colpito alla testa e alle mani con il calcio di una pistola di tipo semiautomatico».

È la descrizione di un vero e proprio incubo degno di “Arancia meccanica”, quella che il malcapitato automobilista, interrogato il 10 gennaio 2020, ha affidato agli uomini della polizia di Stato dopo un’iniziale, ma poi superata, ritrosia a denunciare. La sua deposizione rappresenta uno dei punti centrali dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere che pochi giorni fa si è abbattuta sui fratelli ras Andrea e Giuseppe Attanasio (il primo è ancora ricercato dopo essere riuscito a sfuggire al blitz), esponenti di punti del clan Formicola di San Giovanni a Teduccio. Nell’indagine è coinvolto anche Gennaro Matteo, fedelissimo degli Attanasio, ucciso il mese scorso a Ponticelli in un agguato di stampo mafioso. Ebbene, dalla lettura del provvedimento non emerge soltanto il tentativo dei fratelli Attanasio di uccidersi a vicenda, ma anche alcuni episodi estorsivi, di usura e la drammatica vicenda vissuta dall’automobilista tra il 7 e l’8 dicembre 2019.

Ecco nel dettaglio la deposizione resa dalla vittima: «Verso le 13,30 mentre mi trovavo alla guida della mia Skoda, nel percorrere via Principessa di Savoia a San Sebastiano al Vesuvio, venivo in collisione con una Fiat Panda bianca con a bordo un giovane da me conosciuto come Gennaro. Tra noi avvenne una discussione degenerata in lite fisica, poi ci dividemmo e andammo via senza scambiarci i dati personali e delle auto coinvolte nel sinistro. La mia macchina nella collisione riportò danni allo specchietto sinistro lato guida, come pure quella di Gennaro». L’odissea era però soltanto all’inizio: «Il giorno dopo avevo un appuntamento con un amico, Antonio Di Dato, a Massa di Somma. Mentre stavamo entrando all’interno del bar, vidi arrivare una Fiat Punto nera con a bordo tre giovani, tra i quali riconoscevo senza ombra di dubbio Gennaro, il mio ex amico con cui il giorno prima avevo fatto l’incidente e un altro, a nome Peppe».

A questi punto ecco che scatta il feroce regolamento di conti: «Sono scesi celermente dall’auto e si sono avvicinati con fare minaccioso. Subito iniziarono a malmenarmi colpendomi in varie parti del colpo con calci e pugni e nell’occasione fui colpito alla testa e alle mani con il calcio di una pistola semiautomatica, impugnata nell’occasione da Peppe. A seguito dell’aggressione rovinai al suolo e riportai una ferita alla testa, tanto che fui soccorso dal mio amico Antonio e trasportato dapprima all’ospedale Apicella di Pollena Trocchia e poi a quello di Nola per le cure del caso». La vittima per sua fortuna riuscì a cavarsela con due settimane di prognosi e senza alcuna grave conseguenza fisica. Gli autori del raid, stando a quanto stabilito dal gip, sarebbero stati invece Giuseppe Attanasio, il defunto Gennaro Matteo e Luigi Di Perna.

Leggi anche...

- Advertisement -