giovedì, Maggio 19, 2022
HomeNotizie di Politica«Investire su scuolabus comunali ed edilizia scolastica»

«Investire su scuolabus comunali ed edilizia scolastica»

Presentate due proposte di delibere consiliari

di Ilaria Riccelli

Sono state sottoposte all’attenzione del Consiglio Comunale e del Sindaco, le proposte di delibere consiliari per l’istituzione del trasporto scolastico comunale e per la messa in sicurezza e l’efficientamento energetico oltre che la realizzazione di impianti di aereazione degli istituti scolastici e degli immobili di proprietà del comune diversi dalle abitazioni. Le bozze di delibere a firma del consigliere comunale Giorgio Longobardi, su proposta dell’associazione ASSODIRITTI.

Il Comune di Napoli, come è ben noto, non ha un proprio trasporto scolastico. Il servizio è affidato ai privati che operano nel settore e che sono in possesso di un’apposita autorizzazione rilasciata dalle istituzioni competenti. Questi servizi, tuttavia, non riescono a coprire tuto il territorio e tutta l’utenza che Napoli raccoglie. A ciò si aggiunga che a seguito della pandemia – e quindi di tutte le norme anti-covid che hanno reso necessari degli interventi e delle modifiche nella materia trasporto di passeggeri – la continuità del servizio, per i singoli operatori, è diventata economicamente non sostenibile. 

Visto il D.lgs. 63/2017 che presuppone che gli Enti locali «assicurino il trasporto delle alunne e degli alunni delle scuole primarie statali per consentire loro il raggiungimento» della scuola più vicina, la proposta di delibera da luogo alla possibilità che venga istituito un servizio di trasporto scolastico comunale. Il servizio – secondo la bozza di delibera – dovrà essere incentrato alla costituzione di una società dedicata al trasporto scolastico con socio Unico il Comune di Napoli che con la richiesta dei contributi regionali, nazionali e comunitari possa acquistare 200 pulmini «ecologici» per il trasporto scolastico e assumere operatori autorizzati dal Comune di Napoli risultanti dall’Ufficio del Corso Pubblico.

I fondi per finanziare i provvedimenti

La delibera prevede che i proventi per finanziare il trasporto derivino quindi da fondi diretti del comune di Napoli, da contributi regionali e dalla vendita di abbonamenti alle famiglie che usufruiscano del servizio, e da sponsorizzazioni e vendita di spazi pubblicitari. Per gli edifici del Comune e per le scuole invece la seconda proposta di delibera è incentrata sulla riqualificazione con particolare priorità per gli istituti scolastici. Le motivazioni sottese alla bozza di intervento risalgono ovviamente alla fatiscenza strutturale dei plessi scolastici e degli immobili pubblici di proprietà del Comune. Lo strumento individuato per le opere di ristrutturazione è il partenariato pubblico privato che consentirebbe di realizzare gli interventi necessari senza maggiori oneri per l’Ente pubblico tagliando in maniera significativa i costi energetici e delle manutenzioni per qualche decennio.

Longobardi: «Importassimo fare un impianto di aereazione e sanificazione»

«Ho sposato queste due proposte di delibera in quanto penso che il mondo delle scuole sia stato quello maggiormente penalizzato dalla pandemia. Una predisposizione di un trasporto pubblico per gli alunni penso sia importante anche per abbassare i contagi perché il nostro trasporto pubblico e sovraffollato» commenta così il consigliere Giorgio Longobardi promotore di entrambe le proposte che ha presentato insieme al Presidente di ASSODIRITTI Carlo Di Dato oltre che a Marco Nonno consigliere regionale della Campania e a Marcello Taglialatela – Presidente di Campo Sud.

«Nelle classi – sottolinea Longobardi – è inoltre importassimo fare un impianto di aereazione e sanificazione in quanto trovo assurdo che soprattutto i bambini debbano stare a scuola con le finestre aperte rischiando di evitare il covid ma di prendere altri tipi di raffreddamento e di malattie».

«Ringraziamo il consigliere comunale Giorgio Longobardi e il Consigliere regionale Marco Nonno per aver fatto proprie le proposte che abbiamo presentato come associazione  per mettere in sicurezza il mondo della scuola sia per quanto riguarda il trasporto scolastico – per metter in sicurezza questa categoria – e anche per gli interventi necessari nelle aule per rendere salubri le aree con interventi banali impianti di aereazioni meccanica forzata che possano garantire la pulizia continua dell’area e il raffrescamento o riscaldamento a seconda del clima esterno. Sono interventi di civiltà che dovrebbero essere già stati fatti indipendentemente dalla pandemia e dal covid». Queste le dichiarazioni sul punto di Carlo di Dato Presidente dell’associazione ASSODIRITTI.

Nonno: «Interventi di civiltà che dovrebbero essere già stati fatti»

La proposta è stata appoggiata anche dal gruppo Fratelli d’Italia al consiglio Comunale e dal Consigliere Regionale Marco Nonno che dichiara «stamattina il gruppo comunale di Fratelli di Italia e anche il sottoscritto abbiamo appoggiato in maniera convinta la proposta di Assodiritti che va nel senso di potenziamento del servizio scolastico anche privato anzi soprattutto privato, e che probabilmente se fosse stato potenziato durante il periodo della pandemia avremmo avuto un numero minore di contagi. Messa insicurezza delle aule delle scuole elementari comunali del comune di Napoli mediante l’installazione di sistemi di ventilazioni idonei che consentono il ricambio dell’aria e la sanificazione. Andiamo in questa direzione proprio perché siamo convinti che questa sia la strada da seguire».

«Come Associazione Campo Sud stiamo seguendo queste due proposte presentate al Consiglio Comunale di Napoli con molto interesse perché riguardano la scuola. Mettere in sicurezza le aule e mettere in condizione i ragazzi di andare a scuola utilizzando un trasporto pubblico a loro dedicato, significa evitare la dispersione scolastica anche finita la pandemia e di avere la socialità della quale hanno la mancanza oggi. Regione Campania e Consiglio Comunale devono trovare le risorse anche attraversi Fondi europei che ci sono possono essere utilizzati» ha affermato invece il Presidente di Campo Sud Marcello Taglialatela.

Leggi anche...

- Advertisement -