Lorenzo Insigne, capitano azzurro, Ã¨ intervenuto in diretta alla radio ufficiale dell club, Kiss Kiss Napoli, durante la trasmissione ‘Radio Goal’, affrontando diversi temi

di Stefano Esposito

“Stiamo tutti a casa ed è giusto che sia così, solo così si può sconfiggere il virus. Seguiamo le regole che ci vengono imposte. Quando finirà tutto, sarà più bello abbracciarci. Medici ed infermieri stanno facendo un lavoro straordinario, sono loro i nostri idoli. Ce la stanno mettendo tutta per farci vincere questa battaglia. Gli faccio i miei complimenti. Il campo manca a me ma in generale a tutti gli sportivi, stiamo facendo tutti un grande sacrificio e dobbiamo continuare a farlo. La cosa più importante è la salute. Quando finirà tutto, torneremo ad allenarci insieme mentre ora preferisco allenarmi fuori al balcone. Siamo in contatto con lo staff del mister che ci manda gli allenamenti da fare, lavoriamo tanto ed è giusto perché questo è il nostro mestiere. Facciamo tapis roulant e addominali per tenerci in forma.

ad

Il mister sin dal primo giorno mi ha subito parlato e fatto sentire importante, è stata una cosa positiva per me. Ho un bellissimo rapporto con lui, mi sento spesso con lui anche adesso per parlare di tutto ed anche dei miei compagni. Mi rende partecipe e questo mi fa piacere. Giocavamo a bocce io, Immobile, El Shaarawy e Tavecchio in Francia. Ci divertivamo tanto. Ringrazio il presidente per quello che mi ha detto, spero di rivederlo presto.

Il rapporto con i compagni è ottimo, ci sentiamo spesso sul gruppo in questo periodo, scherziamo molto tra di noi anche su chi taglia barba o capelli.

Sul gruppo, ieri proprio l’ho scritto, di stare tranquilli, che stiamo lottando tutti insieme.

Stavamo facendo bene. Se ripenso alla partita con il Lecce vorrei giocarla di nuovo, era l’emblema di come era andata la stagione fino a quel punto. Abbiamo fatto grandi partite e questo è merito del mister e del suo staff che ci ha messo in condizione di far bene. La pizza? Mia moglie ed i miei figli mi hanno fatto i complimenti. Io non la mangio perché devo tenere la linea. Mi piace ma preferisco il tiro a giro. Di Lorenzo ha fatto la pizza alla toscana, quando finisce tutto gli spiego come si fa.

Quest’anno abbiamo un grande gruppo in Nazionale, credo che un anno in più possa farmi bene perché ci arriverò con maggiore esperienza. L’anno prossimo potremo fare ancora meglio!”