Il carcere di Poggioreale

Sabato, nel carcere di Napoli Poggioreale, 40 detenuti italiani, ristretti al reparto Avellino, alle ore 15 circa si sono rifiutati di fare rientro nelle proprie celle dai passeggi per protesta verso la modifica degli orari dei colloqui con i familiari. Il personale di polizia penitenziaria è stato costretto a non smontare dal servizio e solo dopo una lunga trattativa con il facente funzioni comandante del reparto i detenuti hanno desistito dalla protesta. Nel reparto Avellino, inoltre, in serata un detenuto ha dato fuoco al materasso della propria cella e solo grazie all’intervento del personale di polizia penitenziaria si è evitato il peggio, mentre, sempre ieri, nel reparto Milano si è verificata una rissa tra detenuti stranieri e uno di questi è stato ricoverato in ospedale. A dare la notizia è il segretario generale dell’Osapp (Organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria), Leo Beneduci.

Il carcere di Poggioreale (Stylo24)
Il carcere di Poggioreale (Stylo24)

“Oltre che per motivi di ordine e sicurezza – sottolinea Beneduci –, le condizioni di lavoro del personale di polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Napoli Poggioreale sono più che critiche e oltre agli evidenti rischi per l’incolumità fisica degli addetti del Corpo la situazione è resa ancora più precaria da una gravissima carenza di organico che soprattutto nel periodo estivo rende pressoché impossibile fare fronte ai molteplici eventi critici che quotidianamente accadono”.

ad

“Ovviamente – prosegue il leader dell’Osapp – per il carcere di Napoli Poggioreale dovrebbero essere assunti nei confronti dei reclusi più facinorosi da parte degli organi dell’amministrazione regionale e centrale una serie di provvedimenti sia di ordine disciplinare e sia per il ricollocamento degli stessi in altre strutture, come invece non sembra essere nelle corde di tali organi, e a farne le spese di tale assenza sono proprio gli appartenenti alla polizia penitenziaria. Peraltro, non meno gravi le condizioni degli altri istituti penitenziari della Repubblica per una stagione estiva in carcere che si preannuncia tra le peggiori di sempre. Il ministro Bonafede e i sottosegretari Ferraresi e Morrone e il nuovo capo del Dap, se ci sono, diano il tanto atteso segnale di cambiamento”.