Nuova ordinanza per il 20enne arrestato lo scorso 3 maggio per i fatti avvenuti nel parcheggio dei bus. Una delle vittime è sordomuta

Il giorno in cui A. T., senegalese di 20 anni, senza fissa dimora violentò una infermiera, altre due donne subirono la stessa sorte. La circostanza emerge dalle indagini, che hanno prodotto una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’uomo, che fu arrestato lo scorso 3 maggio. A. T. è finito in cella per  aver immobilizzato e violentato una infermiera nel parcheggio bus Metropark, nei pressi di corso Arnaldo Lucci. Ma prima, sostiene l’accusa, anche grazie al supporto di immagini catturate da alcune telecamere di videosorveglianza installate in zona, il 20enne aveva aggredito e molestato altre  due donne, due passanti, una delle quali sordomuta. La notizia relativa alla seconda ordinanza emessa ed eseguita nei confronti del senegalese, è stata riportata da Il Mattino.

Riproduzione Riservata