TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

 

di Giancarlo Tommasone

Da alternativa possibile originata dalla passione sportiva e da un passato nel mondo dell’arbitraggio, a necessità, per restare in uno dei circuiti che conta e che porta visibilità e consensi.

Si è creata una singolare congiunzione astrale,
per cui Massimo Costa ha bisogno di diventare
presidente del Comitato campano
della Lega Nazionale Dilettanti-Figc

Sono due i poli di detta congiunzione: il Tribunale civile di Napoli (VII sezione), accogliendo il ricorso di Nicola Oddati, presentato per mancato rispetto dello statuto del partito, ha annullato il voto e dunque la proclamazione del segretario provinciale del Pd, carica ricoperta proprio da Costa. Accanto a questa circostanza, c’è quella (il secondo fattore della congiunzione) che porta a Lello Topo, parlamentare dem,  ritenuto tra gli sponsor principali della corsa di Costa verso la poltronissima della Lnd Campania. Topo, infatti, è rimasto fuori dall’assemblea nazionale del Partito democratico. Assemblea in cui, invece, Mario Casillo è riuscito a piazzare Assunta Tartaglione, ex segretaria regionale dei dem, dimostrando così di essere riuscito ad agganciare il «carro dei vincitori» di Nicola Zingaretti. In totale sono dieci i campani che figurano tra i 120 componenti del nuovo organismo: Marco Sarracino e Camilla Sgambato per l’area Orlando; Nicola Oddati, Franco Vittoria, Antonio Marciano, la già citata Assunta Tartaglione e Piero De Luca per l’area Martina; Tino Iannuzzi, Teresa Armato e Giovanni Chianese per la mozione Zingaretti.

Nell’assemblea sono entrati di diritto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il neo eletto segretario regionale Leo Annunziata, la vicepresidente del gruppo dem al Senato, Valeria Valente (in quanto presidente della commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio e la violenza di genere), e l’europarlamentare Andrea Cozzolino, che ricopre la carica di vicepresidente della Commissione per lo sviluppo regionale al Parlamento europeo.

Topo, fuori dall’assemblea e Costa,
rimasto senza incarico
di segretario provinciale,
sono dunque accomunati
da circostanze di medesima natura

E per restare in ambienti che creano un po’ di consensi, e in cui si fa un po’ di politica, hanno bisogno di centrare l’obiettivo; l’unica chance rimasta, al momento, è quella della presidenza del Comitato della Lnd Campania. Costa, in maniera diretta puntando alla poltronissima, Topo, in qualità di sponsor, appoggiando la candidatura del chirurgo e provando ad andare ad «occupare» indirettamente, una posizione strategica. Sempre il parlamentare del Pd, non essendo riuscito ad entrare nel nuovo organismo dem, starebbe tentando di «recuperare» terreno, avvicinandosi a Enrico Letta. L’ex premier, che alle elezioni per l’assemblea nazionale del Pd ha votato per Zingaretti, ha dichiarato di essere pronto, dopo 5 anni, a riprendere la tessera del partito.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT