TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Ve lo ricordate Liberato? Bene, noi di Stylo24 in questi mesi abbiamo lavorato a fari spenti per provare ad indagare su chi fosse il cantante incappucciato, che sta basando il suo successo sull’anonimato. Bene, di Liberato sul palco a Rotonda Diaz il 9 maggio scorso, ce n’erano tre. E si fa sempre più strada l’ipotesi che Liberato non sia dunque un rapper soltanto. Una sorta di formazione, con tre presenti nei live ed a turno nei videoclip. Qualche mese fa la nostra redazione ha anche intervistato un profiler, un ex uomo dello Stato, che provò a tracciare un profilo di Liberato (https://www.stylo24.it/inchieste/liberato-cantante-vera-identita-profiler/). Una delle vie porta dritta ad un giovane dj napoletano, che si esibisce spesso in alcuni locali della zona di Bagnoli-Pozzuoli. Si tratterebbe di Umberto M., che – da quanto apprende Stylo24 – sarebbe stato coinvolto da Francesco Lettieri, regista dei video di Liberato, perché appunto esperto in materia di musica elettronica.

Sul suo profilo Facebook, a due giorni dal concerto di Rotonda Diaz, è apparso un post promozionale della serata nella quale M. si stava apprestando a suonare: «Stasera al Salotto credo mi “accappotto” – scrisse all’epoca il dj – Sto tutto accelerato, ma contento e ci vediamo stasera». E chissà come mai, il giovane appassionato di musica elettronica, fosse tutto “accelerato” e contento”. Può essere un indizio? Fatto è che svelare l’identità del cantante napoletano non è e non sarà certo impresa semplice, considerando che gli stessi addetti ai lavori: cantanti, musicisti, manager, non siano riusciti a stanare l’identità del giovane rapper. La sua voce, modificata, non è riconoscibile. Ad ogni modo non è una persona nota al mondo della musica. Basti pensare che il rapper campano Clementino aveva fatto nei mesi scorsi diversi nomi, tutti prontamente smentiti. Addirittura qualcuno aveva pensato al cantante “indie” Calcutta, ma anche in quel caso nessun riscontro. Pare davvero che le vie di Liberato siano infinite, ma forse non per sempre.

Leonida

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT