TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Babbo Natale arriva con un regalo davvero «verde». Si chiama «Ganja Claus Party», leggi pure «Festa del Raccolto» e si terrà il prossimo 29 dicembre, a partire dalle 22.30, presso il laboratorio occupato Insurgencia in Via Vecchia San Rocco a Napoli.

Al centro della serata a tema c’è appunto
la canapa, la cannabis, oppure la ganja
che dir si voglia, la cui produzione
e commercializzazione sono regolate
dalla legge 242
approvata nel dicembre del 2016

Attenzione, la normativa sottolinea che produzione e commercializzazione sono considerate legali in Italia qualora la cannabis abbia un contenuto di principio attivo (Thc) compreso tra lo 0,2% e lo 0,6%. Si tratta dunque di quella che viene definita canapa light. Sempre la legge consente diversi utilizzi della canapa legale: i suoi semi possono essere, ad esempio, impiegati per produrre alimenti come pasta, biscotti, olio, pane. Le fibre della canapa, addirittura per realizzare indumenti o materiali utilizzati nella bioedilizia.

Non è previsto dalla normativa (242 del 2016), ovvero,
non è menzionato, il cosiddetto uso ricreativo,
che invece è espressamente proibito
dalle precedenti e note leggi in maniera sanitaria

Uso ricreativo della sostanza, che a quanto pare, è previsto dalla festa di Insurgencia. «Ci affideremo all’esperienza degli amici di Par’aFarmacia nel giocare con i principi attivi proponendovi una serie di drink a tema, Dj Cioppi e K-Yellow B ci faranno danzare fino a mattina e Ganja Claus, in ritardo da bravo fattone porterà doni ai bimbi cattivi», è scritto nel testo di presentazione dell’evento pubblicato su Facebook.

Al «Ganja Claus Party» finora hanno dato adesione circa 180 persone, tra gli invitati (che però non hanno ancora accettato la richiesta di partecipazione), ci sono anche la consigliera comunale di maggioranza, Eleonora De Majo, il suo compagno Egidio Giordano e il presidente della III Municipalità, Ivo Poggiani, tutti e tre espressione del laboratorio occupato in questione. Dal testo succitato si evince dunque, che il 29 dicembre prossimo si farà uso ricreativo della sostanza, «ci affideremo all’esperienza degli amici di Par’aFarmacia nel giocare con i principi attivi». Ecco, i principi attivi. E’ lecito chiedersi se quelli contenuti nel prodotto che si consumerà il 29 dicembre si attestino effettivamente tra lo 0,2 e lo 0,6%.

E poi, come verrà utilizzata la materia prima nel corso del party:
se ne faranno dolci e biscotti, oppure si spalmerà l’olio
su fette di pane di canapa?

«Un appuntamento ormai consueto per la città di Napoli. Vogliamo continuare a portare nei nostri quartieri il discorso antiproibizionista, che proprio qui non può essere slegato da quello sull’auto-produzione. La mancanza di libertà sulla scelta e utilizzo libero di sostanza, infatti, porta città come la nostra a diventare il centro di traffici legati alla criminalità organizzata, e per questo ribadiamo che l’unica scelta eticamente sostenibile è quella dell’auto-produzione», è scritto sempre nel ‘comunicato’. A questo punto c’è da sottolineare un concetto: la criminalità organizzata detiene la gestione di un prodotto illegale, vale a dire di sostanza il cui principio attivo è superiore certamente a quello dello 0,6% consentito. Per comprenderci è un prodotto che alla fine consente lo sballo.

Principio attivo e autoproduzione

Siccome i responsabili di Insurgencia parlano dei traffici della camorra, che sarebbero generati dal proibizionismo, e che si combattono con l’autoproduzione, ci si domanda ancora una volta: quale principio attivo andrà ad avere la sostanza autoprodotta? Sarà light? Illegale come quella spacciata dalla criminalità organizzata? O sarà come quella consumata da Ganja Claus, «bravo fattone che porta in ritardo i doni ai bimbi cattivi»? Infine c’è anche da domandarsi se le istituzioni, Prefettura, Questura, forze dell’ordine, siano a conoscenza dell’evento di Insurgencia. Nel caso sappiamo, come si comporteranno? Sono previsti interventi per dei controlli, per stabilire ad esempio quale tipo di principio attivo sia contenuto nella canapa della festa del prossimo 29 dicembre?

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT