L’allarme degli investigatori dietro gli incendi nella zona vesuviana, è che ci sia un’unica regia di piromani esperti. Ieri, ancora un focolaio nel Nolano.

Giornata intensa per i vigili del fuoco: ancora emergenza roghi nella zona vesuviana. Ieri, colonne di fumo tra Nola e Somma Vesuviana: l’idea comune dei sindaci dei paesi colpiti, è che ci sia una mano esperta dietro questi roghi. Ottaviano, ora Nola e Somma Vesuviana, ma anche San Giuseppe Vesuviano, Terzigno e Poggiomarino. Il timore degli investigatori segue il pensiero dei sindaci: le alte temperature contribuiscono alla creazione spontanea di roghi, ma quel che è successo la settimana scorsa, quando ci sono stati nove incendi a distanza di pochissimo tempo, lascia pensare ad una gang di piromani.

ad

«Non può essere una casualità, c’è una regia occulta che vuole distruggere il patrimonio boschivo del paese», accusa Salvatore Di Sarno, il sindaco di Somma Vesuviana; «Somma è presa d’assalto dai piromani, le fiamme arrivano sulla strada e lambiscono anche le abitazioni».

Riproduzione Riservata