I ragazzi sono stati intercettati una volta scesi dalla Circumvesuviana e si sono giustificati con i carabinieri affermando di voler solo fare una passeggiata in Costiera.

Quando li hanno perquisiti, i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Sorrento gli hanno trovato addosso due coltelli con manici rotanti, i cosiddetti “butterfly”, e due manganelli sfollagente telescopici. Ma forse, ciò che ha sorpreso di più i militari è stata la giustificazione dei due minori fermati a bordo di un treno della Circumvesuviana diretto a Sorrento: “Volevamo fare una passeggiata a Sorrento e avevamo paura di essere aggrediti”. Scusa che, però, non gli ha evitato la denuncia per porto illegale di armi bianche.

A segnalare la loro presenza a bordo del convoglio Eav è stata la telefonata al 112 di un cittadino. Dopo aver ricevuto la descrizione sommaria dei due sospetti, i carabinieri sono intervenuti nella stazione ferroviaria, riuscendo a fermare i due segnalati appena scesi dal treno. Entrambi affidati ai rispettivi genitori, mentre le armi sono finite sotto sequestro.

ad
Riproduzione Riservata