Una veduta aerea del Rione Scanzano di Castellammare di Stabia (foto di repertorio)

I particolari dell’inchiesta Domino bis, le precauzioni dei vertici del clan D’Alessandro per evitare di essere ascoltati

Tra gli episodi contenuti nell’ordinanza relativa all’inchiesta Domino bis (27 indagati e sedici arresti in totale) c’è anche quello di un vero e proprio summit di camorra improvvisato in strada. Tutto per paura di essere intercettati. Gli 007 dell’Antimafia, nel pomeriggio del 23 agosto 2017, grazie ad attività di appostamento e alle telecamere di videosorveglianza, registrano un incontro che avviene praticamente in strada, in Via Quisisana a Castellammare di Stabia.

Al convegno partecipano quelli che gli inquirenti ritengono ai vertici della cosca di Scanzano, vale a dire Sergio Mosca (consuocero del defunto padrino, Michele D’Alessandro), Antonio Rossetti (detto ’o guappone) e Giovanni D’Alessandro (nipote di Michele). Ma per quale motivo il summit, convocato con somma urgenza da Rossetti, si svolge per strada? Nel tentativo (parzialmente riuscito) di evitare che le conversazioni vengano intercettate.

ad

D’altronde ha molto timore di utilizzare il telefono, proprio Rossetti, apostrofato da Mosca, come «pauroso». Prima dell’incontro, infatti, Mosca è intercettato in ambientale mentre si trova in auto, e parla con un sodale, usando queste parole riferite a Rossetti: «Quando si tratta di parlare per telefono, hanno paura. Ieri l’ho chiamato due volte e non mi ha risposto». L’eccesso di precauzioni, però, è del tutto giustificato.

Quando giungono sul posto, Mosca è in auto, mentre Rossetti e D’Alessandro sono in sella a due distinte moto e calzano caschi che nascondono in toto le sembianze del volto. ’O guappone ha voluto vedersi con Mosca e Giovanni D’Alessandro per informarli del fatto, che l’indomani avrebbe convocato una persona per redarguirla. Il summit dura appena qualche minuto. Gli 007 riescono a captare parte della conversazione, grazie alla microspia installata all’interno dell’auto in uso a Mosca.

Riproduzione Riservata