Il cardinale Sepe con l'ampolla del sangue di San Gennaro (foto di archivio)

L’annuncio del cardinale Sepe in un Duomo semideserto a causa della misure anti Covid-19

Il prodigio si è ripetuto, facendo tirare un profondo sospiro di sollievo ai napoletano. San Gennaro ha compiuto il miracolo. L’annuncio della liquefazione del sangue è stato dato alle 10.02 in un Duomo insolitamente vuoto per la festa del santo, per le misure anti Covid-19. Ad accogliere il miracolo, l’applauso dei fedeli presenti. Il sangue era già sciolto nel momento in cui l’ampolla è stata presa dalla teca. «Con gioia e commozione – ha detto cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo metropolita di Napoli – il sangue del nostro santo patrono è sciolto». Il ripetersi del miracolo è letto come un buon auspicio per Napoli e la Campania. Quest’ultimo avviene tre volte l’anno: a settembre, nel giorno di San Gennaro, nel sabato che precede la prima domenica di maggio e a dicembre.