Il ras Francesco Petrone, al lato controlli dei carabinieri al Rione Traiano

Il 44enne Francesco Petrone nella serata di ieri è stato trasferito ai domiciliari

Da mesi è al centro di una sorta di caso giudiziario, legato alle sue condizioni di salute. Ieri, il presunto boss del Rione Traiano, Francesco Petrone, 44enne, anche detto ’o nano, è stato trasferito ai domiciliari. La decisione è stata presa dai giudici della XII Sezione del Tribunale del Riesame, che hanno disposto l’annullamento delle due ordinanze di aggravamento della misura cautelare, che a settembre scorso aveva raggiunto il ras di Via Tertulliano. I giudici hanno accolto la richiesta depositata dal difensore del 44enne. La notizia della scarcerazione di Petrone, è stata riportata dal quotidiano Il Roma.

Riproduzione Riservata