martedì, Agosto 9, 2022
HomeNotizie di AttualitàIl piano anti Woodcock del Consiglio superiore della magistratura

Il piano anti Woodcock del Consiglio superiore della magistratura

Palamara (nel corso di una intercettazione) sostiene che nel 2018 subì pressioni per rallentare i processi contro il pm napoletano

Era pronto a «lanciare la bomba», nel corso della trasmissione Mezz’ora in più, condotta da Lucia Annunziata. Poi l’intervista a Luca Palamara – pm finito al centro di una inchiesta per corruzione e sospeso dal Csm nel 2019 – è saltata. Tra le cose che avrebbe detto, si ipotizza, ascoltando la trascrizione delle sue conversazioni intercettate, anche quelle che riguardano presunte pressioni che nel 2018 avrebbe subìto per rallentare i processi contro il pubblico ministero napoletano, Henry John Woodcock, nel parlamentino dei giudici (di cui Palamara, all’epoca era ancora membro, e tra l’altro influente). Il magistrato partenopeo in quel momento era tra due fuochi: quello della Prima commissione del Csm, quello della sezione disciplinare del parlamentino dei giudici. La notizia delle presunte pressioni che subite da Palamara è stata riportata dal quotidiano La Verità, nell’articolo a firma di Giacomo Amadori.  

Leggi anche...

- Advertisement -