Raffaele Imperiale pagò 100mila euro per far addestrare il suo cane

Per formare carattere e comportamento del pastore tedesco, ingaggiò un professionista che si occupa degli animali delle star di Hollywood

di Giancarlo Tommasone

Un pastore tedesco, a cui il narcos Raffaele Imperiale doveva tenere in maniera particolare, tanto che per farlo addestrare, ingaggiò uno dei massimi esperti in materia, un professionista noto per occuparsi di formare carattere e comportamento dei cani delle star di Hollywood. Un professionista dalla parcella assai salata, ma per Imperiale – attualmente latitante negli Emirati Arabi Uniti, e ritenuto il narcotrafficante più potente d’Europa – i soldi non sono stati mai un problema.

ad

Secondo fonti investigative consultate da Stylo24, il 45enne di Castellammare di Stabia, nel periodo immediatamente successivo alla fase più cruenta della faida di Scampia (quindi dopo il 2005), fece arrivare dall’estero, in aereo, il famoso addestratore. Che si recò presso la lussuosa villa di Imperiale, a Castel Volturno, e qui tenne una serie di sedute dedicate all’apprendimento delle «regole» da parte del pastore tedesco.

Leggi anche / Il giallo dei quadri di Van Gogh:
chi fece la soffiata alla guardia di finanza?

Per l’addestramento del suo cane, Lello’o cumpagno (come è conosciuto Raffaele Imperiale all’anagrafe di camorra) pagò 100mila euro. Una cifra spropositata per chiunque, ma assolutamente alla portata di divi del cinema, popstar, e del narcotrafficante stabiese. Che non bisogna dimenticare, è legato alla storia di due preziosissime tele (dal valore complessivo di 100 milioni di euro), recuperate dalla guardia di finanza in un casolare, nella disponibilità della sua famiglia.

L’approfondimento / Da Caravaggio a
Van Gogh, tutti i capolavori del Mafia Museum

Si tratta dei quadri di Vincent Van Gogh, La spiaggia di Scheveningen (1882) e La chiesa di Nuenen (1884), rubati nel 2002, dal museo di Amsterdam dedicato al genio di Zundert, e rinvenuti dalle fiamme gialle (dopo una soffiata) al Rione Annunziatella, periferia della città delle acque. Sulle dinamiche che portarono al recupero delle tele aleggia una sorta di mistero, che a distanza di anni non è stato ancora svelato.

Riproduzione Riservata