Aumento di peso a causa del lockdown (foto di repertorio)

GLI STUDI USA L’American psychology association: il 42% degli americani sostiene che durante la pandemia, è aumentato di peso (in media) di 13 chili

Un’altra conseguenza del lockdown innescato per contrastare la pandemia Covid-19? L’aumento di peso e del girovita. E’ quanto emerge da studi Usa. Nel corso di una intervista ad Associated Press, l’amministratore delegato di Levi’s, Chip Bergh ha ammesso che oltre il 25% dei clienti della casa di moda americana, è uscito dalla pandemia con una taglia diversa (maggiore) rispetto a quella in cui vi era entrato. Tutto causato dal lavoro sedentario in modalità di smart working, dallo stress e dall’alimentazione ipercalorica, alla base della «cura» antidepressiva per sopportare le lunghe giornate di «isolamento» forzato. Sempre dal continente americano giunge lo studio dell’American psychology association: il 42% degli americani sostiene di essere ingrassato, durante la pandemia, con un aumento di peso, in media, di 13 chili.

Riproduzione Riservata