sabato, Maggio 21, 2022
HomeEconomiaI precari del Cnr hanno finalmente firmato le assunzioni

I precari del Cnr hanno finalmente firmato le assunzioni

La battaglia vittoriosa di 328 ricercatori

Sono stati protagonisti di un duro braccio di ferro, durato anni, con il direttore generale del Cnr per vedersi riconosciuto un proprio diritto: la stabilizzazione nell’istituto di ricerca italiano. Hanno occupato la sede del Centro a Roma, hanno protestato in strada e hanno chiesto aiuto ai parlamentari perché i vertici dell’Ente hanno più volte cambiato strategia e non hanno mantenuto tutte le promesse fattegli.

Ma dopo la svolta del 30 novembre scorso – quando il Consiglio di amministrazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche ha deciso di stabilizzare l’ultimo contingente di ricercatori e tecnologi che, in servizio presso l’Ente, hanno maturato i requisiti di stabilizzazione previsti dal Dlgs 75/2010 – qualche giorno fa 328 precari hanno visto concludersi, vittoriosamente la loro battaglia.

«L’assunzione di 328 colleghi c2 è la dimostrazione che con unità, lotta e determinazione si possono raggiungere importanti risultati! Avanti Tutta!» affermano su Twitter i ‘Precari Uniti CNR’. Ma annunciano che la loro battaglia non termina qui. «Numerosi precari – aggiungono – sono ancora in attesa di un lavoro stabile e dignitoso. Basta precariato di Stato».

Gli stessi lanciano un appello affinché il Cnr possa «ancora riconsiderare le scelte che hanno escluso alcuni lavoratori#precari dalla stabilizzazione Madia. Un lavoratore con un contratto stabile è più produttivo e coinvolto per migliorare il prestigio e il futuro dell’Ente». In ballo, infatti, c’è ancora il futuro di circa 70 persone che dovranno ancora lottare perché esclusi da tutte le stabilizzazioni concluse fino a ora essendo penalizzati dai criteri previsti dalla legge Madia.

Leggi anche...

- Advertisement -