Secondo l’antimafia, è lui il vero capo della cosca: il figlio del padrino è stato catturato dopo una lunga latitanza durata due anni

Per sfuggire al processo, è sparito fra le montagne per due anni, in cui è stato latitante, un fantasma, inghiottito nel silenzio di quei luoghi che proteggono il suo impero criminale: Antonio Di Martino è stato catturato dalle forze dell’ordine a dicembre del 2020, e ieri ha avuto una condanna a 7 anni e 8 mesi di reclusione in primo grado, con l’accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Il figlio di Leonardo ‘o lione, è stato riconosciuto colpevole a fronte delle accuse rivolte dall’antimafia nell’ambito del processo Olimpo.

ad

Stando a quanto si legge sul Metropolis, a firma di Ciro Formisano, l’antimafia aveva richiesto una condanna a dodici anni, ma a causa della richiesta del rito abbreviato da parte di Di Martino, il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Napoli ha deciso di condannarlo a 7 anni, 8 mesi e 4mila euro di multa.

Riproduzione Riservata