Il ragazzo guardava ‘o Bisonte smontare e rimontare la semiautomatica cromata con matricola abrasa che l’animale nascondeva in una tasca interna dello smanicato, fatta cucire apposta. Con gli occhi innamorati, Raffaele detto Lelluccio seguiva le dita tozze e pelose di lui che estraevano il caricatore e facevano slittare, dopo aver disapplicato la sicura, la canna fino a estrarla del tutto. La bestia si rigirava lo scheletro della pistola tra le mani con fare sicuro. Se lo avvicinava al naso, lo annusava. Non aveva con sé il materiale per oliare, lubrificare, lucidare il suo «ferro» ma a occhio e croce, rispose alle smorfie interrogative di Lelluccio, era tutto a posto. La «piccolina» avrebbe come sempre fatto il suo disgraziato dovere.

Non si preoccupava delle impronte che lasciava, l’idiota. Era convinto che anche quella volta non lo avrebbero preso. Se lo sentiva. Lui agiva d’istinto. Quando aveva un cattivo presentimento o era di cattivo umore ‘o Bisonte non sfidava la sorte. Si ritirava; e non c’era verso – neanche per Christian che su di lui esercitava un potere assoluto – di convincerlo del contrario. Aveva il sesto senso degli animali, ‘o Bisonte. E degli animali aveva anche l’igiene. Lelluccio si domandava come facesse il sicario a grondare tanta acqua dalla fronte, e se lo immaginava – con sommo disgusto – nudo nel letto bagnato, d’estate. Pensò pure che la sua eccitazione sessuale per gli omicidi era dovuta forse al fatto che nessuna donna gli si sarebbe sdraiata al fianco. Rideva in cuor suo che ‘o Bisonte potesse essere ancora vergineeello.

  • ‘O scé, ‘o scé… ma me stai sentenn, eh? Te stev ricenn: io faccio semp ‘o stess, Lellù. Io song sicur ca uno è muort quando punto ‘a canna verso ‘a capuzzella e faccio fuoco. Ma mai ‘na sola vota, arricuordatell. Duje colpi. Sempre. Pe sicurezza. Cap ‘e fierr s’è salvato per chest, ‘a primma vota.

  • Ma stavolta nun se salva, ‘o Bisò.

Bisonte spezzagli le corna, fallo per pietà.

  • ‘E capit brav. Io accussì aggio fatto cu Chicco ‘o maligno e pure c’o Brillante.

  • Chi song? Cioè, chi erano?

  • Chicco ‘o maligno era nu rapinatore e se stava ‘mparann killér. Secondo Christian, era stato ‘o specchiettista dell’omicidio r’o frat Maicol, ma io nun ‘o saccio si è ‘o vero. Da quando l’hanno accis, a Maicol, non si è capito cchiu niente. Christian è divintat cchiu ‘nfame ‘e primm. Si è fatto disignà ‘a faccia r’o frat ‘npiett, vicino ‘o core e la frase «Forte come due, ma solo uno».

  • Mamma mia, ‘o Bisò. ‘O fridd ‘nguoll.

Bisonte fammi la cortesia di uccidere Cap ‘e fierr. Non ti distrarre.

  • Io invece, guarda, tengo nu tatuaggio sotto ‘o braccio sinistro – ‘o vir? – che dice «Agli infami e ai traditori i peggiori dolori». Bell eh?

Lelluccio fece il barboncino. Bau, bau…

  • Voglio addivintà comm’e vuje, ‘ngopp all’anima ‘e papà… Sei un grande, ‘o Bisò.

Per la prima volta in settantadue ore, vide l’ospite accennare un sorriso.

  • Ma l’altro perché l’hai accis? Comme se chiamma?

  • Eh, chi cazz si ricorda, ‘o scé. ‘O brillante, si chiamava. Me par ca facev ‘o confidente dei carabinieri. Se sì nu traditore, ti devi aspettà ‘e sbatter faccia ‘nterra, prima o poi. Ma poi che te ne fotte ‘e sapé uno perché è stato accis? Quando stai miez ‘e tarantell, manc ti devi preoccupare ‘e troppi cose. Non va bbuon, pure Christian ‘o dice. A fine serata ‘e cuntà sul chill che stann ‘o campusant oppure ‘o spital. E bast.

Dicendo questo, ‘o Bisonte tornò l’animale triste che era sempre stato.

Capauciello si presentò a metà pomeriggio facendosi annunciare da brevi squilli di campanello intervallati da uno più lungo. E insistente.

Entrò in casa bestemmiando perché aveva trovato l’ascensore rotto, e non era abituato alle impegnative scale dei palazzi antichi.

  • Ma si ‘o sapevo non salivo proprio, mannaggia ‘a Madonna. Guagliù – fece, riprendendo fiato –: tutt’appost? Dammi nu bicchier d’acqua, ‘o frat… Comm te chiamm? Eh, Lellù… brav, dammi ‘nu bicchier d’acqua. E famm assettà n’attimo. ‘O Bisò, te vec sciupatiell: stai magnann, ‘o frat?

L’appartamento di Lelluccio si stava trasformando nel pied-a-terre della banda. Era un bilocale dalle parti di «Napoli Sotterranea». Un unico ambiente comprendente sala da pranzo e cucina. Di qua, vicino all’ingresso un divano che voleva essere barocco ma che era solo kitsch con televisore a schermo piatto e videogioco d’ordinanza collegato alla presa Scart; di là un tavolo con una tovaglia di plastica a fiori verdi su sfondo bianco e cucinotto e credenza. Poco altro nella stanza a fianco, dove c’erano letto e comodini. Il minimo indispensabile. Un rifugio pulito. Perfetto per le esigenze del «commando piovra». Le guardie non lo conoscevano, non ci sarebbero mai arrivate. Lelluccio era stato attento a usare solo Whatsapp per comunicare con i «colombiani». Voleva scalare presto i gradini della malavita, e diventare un capopiazza. Un boss. E, come gesto di buona volontà, aveva messo a disposizione il suo alloggio ai ragazzi che avevano avuto l’ardire di sfidare il gran capo del quartiere.

Nonostante pensasse più alle femmine che al crimine, ‘o nfame aveva dimostrato di essere svelto. E sveglio. Il suo unico guaio era la lingua, troppo lunga; a due ore dal primo incontro, ‘o Bisonte sapeva già tutto di lui. Passato, presente e futuro. Il bilocale l’aveva comprato grazie a un amico fidato in un’agenzia immobiliare. Busta paga falsa, e mutuo da 130mila euro di cui 20mila finiti nelle tasche del direttore della banca che aveva sponsorizzato l’operazione. Non aveva dovuto fare un’asta per aggiudicarselo, il quartino: una coppia di sposini, che voleva la stessa abitazione, era stata avvicinata da un personaggio poco raccomandabile all’uscita dall’agenzia e costretta a ripiegare su un’altra soluzione.

Ma per carità, c’è prima il signor Lello…

Con un po’ di truffe alle assicurazioni e qualche rapina, ‘o nfame conduceva una vita dignitosa. E, cosa incredibile, pagava pure il mutuo di 300 euro al mese.

Capauciello si trascinò fino al tavolo dove c’erano i resti dei pasti dell’animale di due sere prima. La cucina era ridotta a un immondezzaio. Cicche di sigarette e gomme da masticare ovunque.

  • Ma nun ci dovevamo vedere ieri, Capaucié? – domandò brusco ‘o Bisonte – Che cazz teniv ‘a fa? Ma po cher’è sta faccia rossa rossa? T’è fatt n’ata vota ‘a lampada? Ma nun vir ca stai tutto appicciato?

Il nuovo arrivato si era seduto a cavalcioni sulla sedia. Sperava proprio che qualcuno gli facesse quella domanda. Sperava che gliela facesse proprio ‘o Bisonte. Capauciello si pulì gli angoli della bocca con il pollice e l’indice destri. Un lungo movimento per aumentare la suspance. ‘O Bisonte era lì lì per mandarlo a fanculo.

  • Tien ragione Bisò, ma ieri mentre stev camminando aggio conosciut ‘a na guagliona miez ‘a via…

Non disse della puttana e dei soldi pagati per fare l’amore. Non fece menzione della sua abitudine di comprare a 150/200 euro all’ora la compagnia delle donne. S’inventò l’ennesima conquista.

Capauciello il Latrin Lover faceva ridere con quella sua aria da Alain Delon – E ‘na parol tira n’ata.. te posso offrì ‘o cafè… no grazie… sì grazie… e me l’aggio purtat ‘a cas. Bella guagliona: non molto alta, ma nu piezz ‘e marmo… Ma chest so cose che tu, ‘o Bisò, nun può capì… tu pienz ‘a magnà…

A Lelluccio brillarono gli occhi. Aveva uno con cui parlare di femmine, argomento cui l’animale era ostile. Entrò subito in sintonia con Capauciello. Gli allungò una mano sudaticcia sopra il tavolo per complimentarsi e mettersi seduta stante al suo servizio per qualsiiiasi cosa.

Sarebbero diventati grandi amici, il Latrin lover e l’Inseminatore folle.

  • ‘O Bisò, mi sono visto cu Christian – passò alle cose serie Capauciello –. Ha ritt ca è fondamentale ‘sta cosa ‘e Cap ‘e fierr. Nun s’adda sbaglià. L’è stutà ampress ampress.

Silenzio.

  • Ten ‘o sanghe all’occhije, Christian. ‘E capit?

Silenzio.

  • Figurati, l’altra sera, ha avuto n’ata crisi e, talmente che stev fulminato, vulev sparà a ‘na pattuglia r’e «falchi» a Corso Umberto perché s’era mis ‘ncap che erano chilli ‘e Mosé travestut ‘a poliziotti. Per fortuna che ci stava Abdul cu iss, se no a chest’ora stev a «Poggi Poggi», l’amico nuosto…

Per rendere meglio l’idea, il «colombiano» incrociò i polsi a mimare le manette. L’animale fece il gesto di toccarsi le palle, e sputò a terra. L’unico a restare immobile fu Lelluccio. Era sempre più preoccupato perché il messaggino della «filata» non arrivava. Non voleva darlo a vedere, soprattutto ora che era arrivato Capauciello. Un altro pezzo da novanta del «commando piovra».

  • Sì, tutto chell ca vulit vuje – parlò ‘o Bisonte –. Però io aggia sapé dove sta nascost Cap ‘e fierr. Chella puttana ancora niente, eh? Fai n’ata chiammat Lellù. Vir se piglia stavot ‘a linea.

  • Chiamm subito ‘o Bisò. Però ti posso fare solo ‘na domanda, ‘o Bisò? Ne approfitto perché mo’ ce sta pur Capauciello ca per me è un grande…

Capauciello diede uno sguardo di approvazione e con aria soddisfatta smise di rovistare tra i cartoni di pizza alla ricerca di qualcosa di commestibile. Sembrava un cane pulcioso che scava nei sacchetti.

  • E dici, che cazz vuò? – si spazientì la bestia.

  • Ma ‘o ver ca quand spari, se ‘ntost ‘o cazz?

Capauciello ridendo cadde dalla sedia. Il sole aveva preso a tramontare tra i palazzi del rione.

E’ sul ‘na curios…

Bip, bip

 

LEGGI ANCHE:

Un killer (brutto, sporco e cattivo) chiamato ‘o bisonte
Il proiettile d’oro e il bacio rubato con la roulette russa
Lelluccio l’infame, storia di un apprendista killer (doppiogiochista)
Faccia a faccia col Bisonte in attesa della «filata»
Capauciello, il baby boss (brutto e codardo) che va a puttane
E il killer scrisse su Fb: se non conosci, non giudicarmi