‘O Bisonte non riusciva a darsi pace. Aveva rifiutato il caffé che Lelluccio gli aveva preparato e si era rullato due canne, una dietro l’altra, per svegliarsi. Gli effetti erano stati opposti a quelli sperati. Non avendo dormito per quasi tutta la notte, il fumo gli aveva arrotolato la lingua in bocca. Tra le fauci pareva avere una palla che gli impediva di pronunciare bene le parole. Quelle poche che non storpiava in dialetto.

  • Si nun sapess ca sì strunz – biascicò mantenendosi la testa che gli pesava una tonnellata e mettendo a fuoco il profilo del compagno – e si nun sapess pura ca non te veness mai ‘ncap ‘e me piglià pe culo, essa pensà sulamente ca stai facenn ‘o doppiogioco.

L’animale si passò una mano tra i capelli. Era sudato come un maiale. I due avevano ripreso i posti del giorno prima. Lelluccio al tavolo a controllare il cellulare in attesa dell’avviso che non arrivava, e la bestia nell’angolino meno illuminato del divano.

  • Nun vuless – esplicitò meglio il concetto il killer – ca mentre io stong aspettann a iss, Cap ‘e fierr sta aret ‘a port ‘cca – e indicò l’ingresso dell’abitazione – a m’aspettà a me. Tu ‘o fai trasì e me spara. ‘E brav ‘a Lelluccio ‘o nfame.

Ad ogni parola, ad ogni movimento della mandibola, tante piccole bombe atomiche esplodevano nelle tempie e nella fronte del Bisonte. L’emicrania lo faceva più cattivo. Gli veniva da vomitare.

  • Embé, Lellù, spero ca me stong sbagliann. Ma ‘sta storia ‘e Cap ‘e fierr è tutta strana. So duje giorni ca stong cu tte, e manco mi hai detto chi t’adda fa st’ambasciata…

Il giovane si era quasi abituato agli sfoghi di chi si era accampato in casa sua con l’intenzione di rischiare l’ergastolo ammazzando il rivale in una delle zone più popolose di Napoli, eppure l’ultima minaccia gli gelò il sangue.

Lelluccio pensò di tenere ancora il segreto.

Lelluccio vide la canna della pistola.

Lelluccio ricordò la regola numero uno della strada: non tradire mai la tua fonte.

Lelluccio diede un’altra occhiata alla canna.

Lelluccio prese la regola numero uno e la buttò nel cesso.

  • È ‘a vecchia ‘nnamurata, Nicole – s’affrettò a spiegare –: chella ca s’ha fatt tutt ‘o rion, te la ricordi?

No, non poteva ricordarsela ‘o Bisonte. Lui non aveva rapporti col genere femminile. Lui era un tipo assai straaano. Com’era straaano il rapporto con la mamma. L’unico essere sulla faccia della terra di cui l’animale avesse terrore.

  • Cap ‘e fierr l’ha lasciata cu ‘na criatura ‘e duje mesi pe se metter con la cugina carnale ‘e essa – fece schioccare le nocche, Raffaele detto Lelluccio –. E Nicole se vò vendicà perché iss non ce dà ‘e sord ro manteniment. Cchiu tardi Nicole me manna ‘a nutizia precisa precisa. Me l’ha giurat ‘ngopp ‘a criatura.

Quanto vale la parola di una puttanella?

L’animale pescò dallo smanicato una bustina di cocaina. Ne prese due pizzichi. Gliel’aveva procurata ‘o Drogato tre sere prima. Quel figlio di zoccola riusciva a trovare la droga pure in mezzo al deserto. Aveva un talento stupefacente.

‘O Bisonte inalò e sprofondò nei cuscini del divano. Non si era lavato la faccia. Aveva ancora gli occhi impiastricciati. Li chiuse per un po’.

Lelluccio, ripensando all’avvertimento di prima, si fece due conti.

Apro la porta e gli dimostro che non c’è nessuno fuori e gli chiedo di avere più rispetto per me. Lui equivoca e mi spara prima ancora di arrivare alla maniglia. Scartare.

Non apro la porta, e in lui continuano ad aumentare i dubbi. Mi sparerà per nervosismo. Scartare.

Provare a spiegare che la figlia di Nicole è mia figlia, e che devo far uccidere Cap ‘e fierr prima che Cap ‘e fierr uccida me per vendicarsi del tradimento. Troppo complicato: scartare.

Ultima soluzione: pregare la Madonna Vergine dell’Incoronata che questa stronza di Nicole mandi subito la «filata».

L’animale si era placato un po’. La storia del mantenimento sarebbe stata un’ottima copertura per le indagini. Non volle comunque dare l’impressione di crederci più di tanto e mantenne l’espressione sospettosa. Per essere ancora più convincente, ‘o Bisonte si era appoggiato la pistola sulla pancia mentre si sgranchiva le ossa del collo taurino.

Trac, trac.

Se ne stava immobile – enorme – sul divano come un Buddha malvagio.

LEGGI ANCHE: Un killer (brutto, sporco e cattivo) chiamato ‘o bisonte ; Il proiettile d’oro e il bacio rubato con la roulette russa