L’inchiesta è condotta da due Procure

La Procura di Napoli indirizza una richiesta di proroga delle indagini nei confronti dell’imprenditore Salvatore Di Leva, e del militare della guardia di finanza, Gabriele Cesarano. Al centro delle indagini la vicenda legata alla compravendita di un gommone (che avrebbe visto come intermediari Di Leva e Cesarano), transitato in un cantiere dell’area stabiese. A riportare la notizia della richiesta della proroga delle indagini, il quotidiano Il Mattino. Sono due le Procure che lavorano all’inchiesta, quella romana e quella napoletana. Al centro delle indagini un presunto giro corruttivo imbastito, secondo l’accusa, per acquisire informazioni rispetto a un’altra inchiesta, quella per reati societari e aperta nei confronti dell’armatore Salvatore Lauro. Presunto giro che coinvolgerebbe. Secondo la Procura, anche esponenti del mondo della magistratura.