La scena di un omicidio avvenuto a Miano

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Due ergastoli e venti anni di carcere: lo ha deciso il gip di Napoli Saverio Vertuccio (20esima sezione) che oggi ha condannato all’ergastolo il baby killer del clan Lo Russo Luigi Cutarelli, 23 anni, Antonio Buono, 39 anni e a venti anni di reclusione Vincenzo Carrino, 25 anni, ritenuti i componenti del commando che il 4 febbraio 2016 assassinarono, Giuseppe Calise, nel rione don Guanella di Napoli.

Giuseppe Calise

L’ex boss Carlo Lo Russo (ora collaboratore di giustizia), al quale oggi lo stesso giudice ha inflitto 14 anni di reclusione, sospettava che Calise stesse fornendo appoggio logistico a un suo acerrimo nemico, Walter Mallo (l’aspirante boss con una lacrima tatuata sul viso), e, quindi, ne ordinò la morte.

 

Per fare luce sulla vicenda sono state determinanti le dichiarazioni del boss ma soprattutto quelle del suo luogotenente, Mariano Torre, anche lui condannato dal gip a 14 anni di carcere. Cutarelli, per sua stessa ammissione, è stato un killer del clan Lo Russo ed è anche ritenuto coinvolto nella morte dell’innocente Genny Cesarano, assassinato per errore nel Rione Sanità. Al momento è detenuto in regime di 41bis. L’omicidio si colloca nell’ambito dello scontro, in atto all’epoca dei fatti, tra il clan Lo Russo e il clan operante nel rione Don Guanella, capeggiato da Mallo.

Il boss di Miano, Carlo Lo Russo

Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, consentirono di acquisire gravi indizi di colpevolezza a carico di Cutarelli, Buono e Carrino, ai quali le accuse relative all’omicidio di Calise vennero notificate dalla Polizia lo scorso 6 giugno.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT