Gianpiero Falco, delegato Confapi Campania allo sviluppo regionale

di Gianpiero Falco *

L’articolo di oggi uscito su Repubblica a firma del direttore Emanuele Felice rappresenta ciò che noi diciamo, ormai, da più di un triennio. Ebbene il direttivo della Confapi di Napoli e quello della Confapi regione Campania da tempo analizzano questo fenomeno. Vi è sicuramente una differenza rispetto al nord Italia, ma quello che più sconforta sono i numeri rispetto alle PMI degli altri paesi europei. Questo vuole segnalare una duplice differenza rispetto a politici, nella migliore ipotesi incapaci se non camorristi o mafiosi.

 

Oggi la desertificazione industriale del Mezzogiorno è dovuta a mancanza di infrastrutture e soprattutto alla mancanza di una classe dirigente. Solo un adeguato piano formativo può rappresentare la soluzione. Solo il commissariamento per il tramite di un ente centralizzato rispetto agli investimenti che si debbano realizzare può essere la soluzione per la crescita industriale e occupazionale del Mezzogiorno. Solo il controllo da parte degli uffici prefettizi, di tutto il ciclo di vita degli investimenti che gli enti pubblici territoriali vogliono adottare, può rappresentare la soluzione al problema della presenza nell’economia reale di grandi gruppi malavitosi, che tendono riciclare i propri proventi illeciti.

AIUTACI CON UN LIKE A MANTENERE L’INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE

Ecco, quindi, e qui ci riferiamo al direttore Vittorio Feltri rispetto all’articolo sull’autonomia da lui scritto settimana scorsa, solo dopo che lo stato unitario abbia concesso a tutti pari opportunità di partenza sarà e dovrà essere un’autonomia regionale, che sia una gara tra le regioni a livelli di sviluppo virtuoso. In questa situazione l’autonomia regionale non farebbe altro che aumentare il GAP Nord-Sud e soprattutto condannare le regioni del Mezzogiorno all’economia del malaffare. Per questo, egregio direttore, con immutata stima e simpatia non siamo d’accordo sul suo articolo che dedicava al presidente del consiglio e al vice presidente del consiglio una reprimenda come Lei è aduso fare.

Gianpiero Falco
Delegato allo sviluppo regionale Confapi Campania