TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Era stato assolto in primo grado dall’accusa di collusione con il clan dei Casalesi, ma poi condannato in appello in seguito alle dichiarazioni accusatorie formulate nei suoi confronti da Nicola Schiavone, boss primogenito del capoclan Francesco “Sandokan” Schiavone. Per questo motivo Gianni Morico, imprenditore casertano titolari di numerosi panifici con punti vendita sparsi sul territorio, è tornato in carcere; sono stati i carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) ad arrestarlo su ordine della Corte d’Appello di Napoli, che a dicembre aveva condannato Morico a sei anni e otto mesi per concorso esterno in associazione camorristica. Dopo la sentenza, la Procura Generale di Napoli aveva richiesto l’arresto di Morico, e i giudici lo hanno concesso.

ad

 

Morico, già arrestato nel 2016 e poi assolto in primo grado dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, è stato condannato in appello in seguito alla decisiva testimonianza resa da Nicola Schiavone, divenuto collaboratore di giustizia; il figlio del capoclan dei Casalesi ha raccontato di come l’imprenditore avesse messo a disposizione del clan il suo marchio, noto in tutto il Casertano; di ciò aveva approfittato l’affiliato Nicola Del Villano, anch’egli arrestato dai carabinieri dopo la condanna in appello a 11 anni. Del Villano aprì infatti un punto vendita con il marchio Morico.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT