sabato, Gennaio 22, 2022
HomeNotizie di Cronaca«Sono anni che le madri ci hanno portato via i nostri figli,...

«Sono anni che le madri ci hanno portato via i nostri figli, lo Stato ci aiuti»

Da Napoli l’appello di Gennaro e Vincenzo, genitori di bambini che le ex compagne hanno portato in Ucraina e Colombia.

“Sono trascorsi oltre quattro anni dall’ultima volta che ho avuto la possibilità di abbracciare mio figlio”. A parlare è Gennaro Palumbo, accomunato dal dolore di un padre disperato con Vincenzo Fierro. Entrambi da anni si battono per riavere i propri figli, portati in Ucraina e in Colombia dalle rispettive madri. “E’ stata un’altra Pasqua senza di loro”.

“Sono più di 1500 giorni – aggiunge Palumbo – che non posso accarezzarlo e parlargli come un padre fa con il figlio. Ho chiesto aiuto alla diplomazia e mi è stato detto che hanno le mani legate, ai Tribunali e alla Giustizia, che è lentissima. La politica è totalmente assente e in alcuni casi ti prende anche in giro. Non so più a chi rivolgermi per un aiuto”.

Ha dovuto difendersi da accuse rivelatesi infondate e dalle quali è stato scagionato, Vincenzo Fierro, che ha visto volare i suoi piccoli in Sudamerica, senza alcuna autorizzazione dello Stato italiano, proprio durante il processo. “Sono padre di due bambini che mi sono stati portati via da mia moglie senza il mio consenso, nel 2019. Lo Stato italiano non ha curato gli interessi di un cittadino e dei suoi due figli, che hanno la doppia nazionalità. L’11 febbraio scorso la magistratura italiana ha chiesto l’immediato rimpatrio dei bambini. Alcuni giorni fa vengo a sapere dalla Colombia che dovrò essere sottoposto a processo per le stesse accuse per le quali in Italia sono stato completamente scagionato, nel luglio 2020”.

“Ho fatto moltissime denunce, – aggiunge – tutte senza risposta. Per me lo Stato non fa nulla e io sto soffrendo molto. Sono confuso, amareggiato e depresso. Spero che qualcuno faccia qualcosa per me. Così non posso andare avanti. Mia moglie, quando sono tornato in Colombia nel Natale del 2020, non c’era e i bambini erano affidati alla sorella. Spero che un padre faccia qualcosa per me”.

Leggi anche...

- Advertisement -