Il cartello dell'Onda Pride: solo Sarri è contro natura (foto: fonte Facebook)

Si è svolta ieri pomeriggio in città, la manifestazione col corteo del Mediterranean Pride of Naples, tappa partenopea dell’Onda Pride 2019. In piazza Dante, in migliaia si sono ritrovati per i «legittimi diritti delle persone Lgbt». Alla testa del corteo, assieme al sindaco Luigi de Magistris, anche i gonfaloni del Comune di Napoli e della Città metropolitana di Napoli. E poi mamme, bimbi, famiglie arcobaleno, «ma anche etero» perché, come spiega una mamma: «Ci amiamo tutti allo stesso modo. Sono qui con mio marito e i nostri due figli». Spazio anche all’ironia su Sarri. «Contro natura è solo Sarri alla Juve», era scritto su un cartello. C’era il trenino delle Famiglie arcobaleno, con i palloncini e gli unicorni. C’erano i carri degli organizzatori, carichi di colori e musica. Canti, balli, con i colori dell’arcobaleno, slogan e cartelli, come ad esempio «Gli omofobi sono come il parmigiano sugli spaghetti con le vongole» o «È l’amore che fa le famiglie».

Organizzato dal Comitato Antinoo Arcigay Napoli, i Ken, il Circolo Le Maree Napoli Alfi, Associazione Transessuale Napoli, Famiglie Arcobaleno, il pride è giunto alla sesta edizione. «Legittimi Diritti» è proprio il tema politico di quest’anno, dedicato – fanno sapere gli organizzatori – «a tutte le persone esposte alle fragilità sociali e che sono a rischio o vivono una condizione di forte marginalizzazione». Quindi, anche il Mediterranean Pride of Naples 2019 celebra i 50 anni dai moti di Stonewall.