L’allenatore azzurro, Rino Gattuso, ha parlato del suo futuro a Napoli nell’intervista rilasciata a Sky Sport

di Stefano Esposito

Europa League

ad

“Penso che la partita di giovedì scorso sia stata una mazzata.

L’abbiamo giocata sotto ritmo ma ben interpretata, farli giocare in quel modo è stato un merito nostro.

Il demerito è stato non avere veemenza negli ultimi 20 metri, si aveva la sensazione di non voler far male all’avversario.

Ora dobbiamo affrontare una squadra molto forte, che ha grande senso d’appartenenza. Tanti giocatori vengono dalla cantera. Sia tecnicamente che sotto il piano della cattiveria è molto forte. È un grande test.

In fase di possesso sono spagnoli al 100% mentre in fase di non possesso sono diversi. Dobbiamo stare attenti.

Per noi è un vantaggio giocare senza tifosi, che qui sono molto focosi. Bisogna fare una grande partita, tecnica e di temperamento”.

Modulo: 4-2-3-1 o 4-3-3

“Vedremo, l’idea è di proseguire su ciò che stiamo facendo.

In questo momento abbiamo il dovere di fare anche qualcosa di nuovo, i nostri colleghi sono sempre molto preparati, quindi serve qualcosa di diverso per mettere a proprio agio i giocatori con certe caratteristiche.

Ad esempio andiamo in difficoltà a trovare la profondità con le squadre che si chiudono”.

Sulla visita del presidente De Laurentiis

“Mi ha fatto molto piacere, penso che il presidente debba venire spesso perché paga gli stipendi e ha grande responsabilità nei nostri confronti.

Le cose non stanno andando bene nel mondo del calcio, ma lui non ci fa mancare nulla. Si è presentato in questi giorni con un bellissimo orologio, che non ho messo per scaramanzia.

Dobbiamo apprezzare tutto. Le società stanno perdendo qualcosa e bisogna apprezzare questo tipo di sforzi”.

Sul rinnovo

“La cosa bella è che anche se sono qui da quasi un anno si è creato subito un bel rapporto con tutte le persone. L’unica cosa che non voglio fare è litigare col presidente e con chi mi ha fatto vivere bene il quotidiano.

Sto bene a Napoli e voglio rimanere qui, penso che la soluzione si troverà senza nessun problema.

Lo sanno il presidente, Giuntoli e Chiavelli che la clausola è una cosa che non mi piace, ma la voglia di rimanere in questa società è tanta e troveremo un accordo”