Se la fine dell’anno si era chiusa con una statistica allarmante per la costiera sorrentina, altrettanto può dirsi per i primi giorni del 2018. Raffica di furti in appartamenti e in negozi, che ha seminato e continua a seminare panico non solo tra i residenti, ma anche tra i turisti che visitano da sempre le perle paesaggistiche del golfo.
Nelle scorse ore l’ennesimo raid: a finire nel mirino dei ladri un appartamento nella frazione di Marano di Sorrento, visitato dai soliti ignoti, ieri notte. Ma i blitz non sono solo notturni, per quanto riguarda i furti nei negozi, ne sono stati registrati, nelle ore di punta e di massima affluenza di clienti, soprattutto in bar e ristoranti.

La sede del commissariato di Sorrento
La sede del commissariato di Sorrento

Stando alle denunce e alle segnalazioni giunte alle forze dell’ordine negli ultimi mesi, una banda specializzata avrebbe puntato direttamente la cassa dei locali, riuscendo a impossessarsi dei contanti e dileguandosi rapidamente tra avventori, personale e titolari scioccati. Oltre a Sorrento, furti del genere si sono registrati a Sant’Agnello, Piano e non hanno risparmiato nemmeno le località e gli esercizi della costiera amalfitana.
Sul fenomeno illecito indagano le forze dell’ordine. Si ipotizza che a mettere a segno i furti in appartamento siano i componenti di una banda di extracomunitari. Un gruppo formato da cittadini di origine georgiana, storicamente ritenuti professionisti nel portare a termine blitz del genere.
Nel frattempo, è naturale, in costiera sorrentina si è diffusa una sorta di psicosi collettiva. La paura è tanta e aumenta soprattutto durante la notte. Gli inquirenti sono allo studio anche delle immagini che avrebbero potuto captare le telecamere della videosorveglianza installate sui territori comunali o a difesa di esercizi commerciali e abitazioni private. Non è escluso che nel corso delle indagini avviate da mesi, siano già state individuate delle persone sospettate di aver messo a segno alcuni colpi.

ad
Riproduzione Riservata