La Galleria Vittoria (foto di repertorio)

Sprechi e impasse

All’appello mancherebbero interventi per 220 milioni di euro, a tanto ammontano i fondi dell’Unione europea che non sono mai stati spesi dal Comune di Napoli. Fino ad ora per il patto per Napoli, investiti appena 32 milioni di euro, vale a dire il 13% di quanto a disposizione per la ripresa della città (250 milioni di euro). Diversi i segmenti in cui c’era necessità di investire: dalla ristrutturazione della Galleria Vittoria, fino ai trasporti. La città continua a pagare dazio, sia per quanto riguarda le condizioni di alcune strutture di competenza del Comune, sia per i servizi. E in tutto questo, si scopre, che dei fondi messi a disposizione per la ripresa, sono state utilizzate soltanto le briciole.

Riproduzione Riservata