Cittadini e studenti hanno partecipato a una manifestazione in difesa del fiume Sarno. Dirigenti scolastici, insegnanti e alunni di 70 scuole del territorio attraversato dal fiume più inquinato d’Europa, rappresentanti di associazioni, fedeli delle chiese del territorio e cittadini comuni hanno infatti partecipato questa mattina presso la sede della Casa del Fanciullo di Torre Annunziata, a ridosso dello scoglio di Rovigliano – dove si trova la foce del corso d’acqua – alla manifestazione promossa per sensibilizzare istituzioni e opinione pubblica sulle necessità di avviare la bonifica del Sarno. Due le iniziative che hanno convogliato le persone nella città oplontina: la prima una gara podistica, Corri per il Sarno, partita dalla città salernitana che prende il nome dal fiume, e arrivata a Torre Annunziata; la seconda, una passeggiata che da Castellammare di Stabia si è conclusa proprio allo scoglio di Rovigliano. I manifestanti hanno poi incontrato i rappresentanti istituzionali.

ad

Ha partecipato anche monsignor Raffaele Russo, parroco della basilica della Madonna della Neve. A loro è stata consegnata una petizione firmata da centinaia di studenti che chiedono l’avvio della bonifica del Sarno. A tal proposito Fulvio Bonavitacola, vicepresidente a Palazzo Santa Lucia, ha sottolineato come il prossimo 21 giugno sia in programma in Regione una conferenza dei servizi durante la quale dovrebbe essere dato il via libera definitivo al progetto di risanamento del fiume Sarno, annunciando che entro un anno a partire da oggi è intenzione dell’ente di Palazzo Santa Lucia di assegnare l’appalto per i lavori di bonifica.