“Oggi ho compiuto 70 anni. Ho scelto di festeggiarli nel carcere di Rebibbia con un fraterno amico: Marcello Dell’Utri, un uomo straordinario, che personalmente continuo a ritenere innocente, e che in questo particolare momento della sua vita ha assolutamente bisogno di cure adeguate. Cure che in carcere sono assolutamente impossibili. So che la Direttrice di Rebibbia, Dottoressa Santoro sta studiando una soluzione idonea. E quindi resto fiducioso. Oggi ho portato a Marcello in dono, come da sua richiesta, l’ultimo libro del grande Paolo Isotta, Il canto degli animali, edito da Marsilio. Ho brindato con Marcello nella sua celletta con un semplice bicchier d’acqua della fontana. E Dell’Utri mi ha anche offerto una barretta di cioccolata. Un festeggiamento nel nome dell’amicizia e della libertà. Gli amici veri non si abbandonano mai, soprattutto quando i loro corpi sono devastati da gravi malattie. Fino a quando potrò farlo continuerò a far visita a Marcello, ed ogni volta gli farò dono di un bel libro. La lettura e lo studio dice Marcello sono i migliori farmaci per affrontare la detenzione in carcere. Oggi, durante il nostro incontro non si è parlato di politica. Né di Berlusconi e Forza Italia. Il tema dominante è stato la famiglia, gli amici, i libri ed il futuro”. E’ quanto dichiara in una nota il deputato napoletano di Forza Italia Amedeo Laboccetta.