L'Università Federico II di Napoli

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

La graduatoria per il concorso a ricercatore bandito a settembre 2017 dalla Federico II per il settore Musica, Cinema, Televisione e Media Audiovisivi e che era stato vinto dal musicologo Giorgio Ruberti, va annullata. Quest’ultimo, secondo le motivazioni del Tar Campania che ha riscontrato la mancata imparzialità da parte della commissione che ha valutato i candidati, ha pubblicato molti lavori con uno dei commissari.

ad

Il ricorso, come riporta un articolo del ‘Corriere del Mezzogiorno’ a firma di Fabrizio Geremicca, era stato presentato da Francesco Zimei, Gioia Filocamo e Rocco Rossi, tre dei partecipanti alla prova, vista la presenza di legami professionali tra il Ruberti ed Enrico Careri, docente di Musicologia e Storia della musica nel Dipartimento di Scienze Umanistiche e segretario della commissione che aveva il compito di valutare la preparazione degli aspiranti ricercatori. In particolare, come si legge nella sentenza, “su 12 pubblicazioni presentate nella procedura, ben 4 risultano frutto di tale collaborazione e hanno ricevuto il massimo punteggio attribuibile”.

 

Inoltre, “il vincitore, il citato professore Careri” e “lo stesso presidente della predetta Commissione sono tutti membri del Centro di ricerca sulla canzone napoletana, che risulta peraltro convenzionato con l’Ateneo che ha bandito il concorso. La pubblicazione dei lavori di cui si deduce la collaborazione da parte dell’odierno controinteressato, risulta peraltro edita dallo stesso Centro di ricerca”. Il concorso dovrà essere ripetuto e i candidati valutati da una nuova commissione.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Riproduzione Riservata