Gli assessori della Giunta regionale ormai sono diventati esseri mitologici: non parlano, non rilasciano interviste, non commentano nulla

Napoli terra di cultura, di miti e di leggende. Terra di conquista, capitale d’Europa, di miti e tradizioni. Napoli nei secoli non si è mai fatta mancare nulla e nella credenza popolare esistono anche tantissime leggende legate a fantasmi che popolerebbero alcuni palazzi e luoghi storici della città. Come Maria d’Avalos, il munaciello e la Bella ‘Mbriana. Ma anche i fantasmi di Palazzo Santa Lucia. Questi esseri mitologici in realtà sono gli assessori della Giunta De Luca. Assessori di cui si conosce l’esistenza perché presenti sul sito istituzionale della Regione Campania. Questi esseri mitologici, gli assessori, non rilasciano dichiarazioni, né interviste. Non si ha traccia della loro attività.

L’unico che aveva ed ha una sua riconoscibilità e un suo appeal mediatico per essere stato prefetto a capo del dipartimento per l’immigrazione del Viminale è Mario Morcone. Degli altri non son note le gesta. Qualche volta è apparsa l’assessore alla scuola Lucia Fortini ma perché è stata travolta dalla questione relativa alla chiusura ingiustificata e a tratti illegittima degli istituti scolastici, chiusura per altro voluta e gestita dal presidente De Luca con l’assessore a fare da paravento.

ad

A parte lei, qualcuno conosce l’attività di Valeria Fascione? Il lavoro di Felice Casucci? Qualcuno sa che esiste un Discepolo a Palazzo Santa Lucia? No, gli altri sono completamente trasparenti, non intervengono nel dibattito politico cittadino e regionale ma in realtà non se ne conosce il volto, la storia, le gesta, non solo passate, ma anche attuali.

Riproduzione Riservata