Il Covid rende ancora più duro il percorso per gli aspiranti avvocati

Ma il presidente dell’UpAvv lancia l’allarme: non è stato pubblicato bando con eventuali norme anti-Covid

Nella giornata di oggi è prevista la fine di uno step molto atteso. «E’ di fatto conclusa la pubblicazione degli esiti scritti dell’esame di abilitazione forense 2019. Anche a Napoli sono terminate le operazioni relative agli abbinamenti per cui oggi si procederà alla comunicazione dei risultati. Ciononostante, non risulta ancora pubblicato il bando d’esame per la sessione 2020/2021 e le eventuali nuove modalità a fronte dell’emergenza Covid-19». Lo dichiara, in una nota, Claudia Majolo, presidente dell’UpAvv, che così interviene sugli esami per l’abilitazione alla professione di avvocato. «Le evidenze scientifiche e i nuovi dati allarmanti rispetto ai contagi dimostrano infatti come e vi sia il rischio di una nuova pandemia; a repentaglio sono circa 25.000 praticanti avvocati che si trovano a dover affrontare una prova che li vede impegnati per tre giorni». «Dopo i ritardi nella correzione degli scritti,stante il perdurare dell’epidemia di Covid-19, noi come Upavv – dichiara ancora Majolo – chiediamo al Governo di dare un segnale chiaro agli aspiranti avvocato, si chiede di fare luce su una situazione di estrema incertezza».