Come supporto alle forze di polizia che operano sul territorio, entro il 2020 arriveranno a Napoli 400 unita’ di personale di polizia, carabinieri e guardia di finanza“. Lo assicura il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, che ha partecipato a Napoli al comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Per il ministro sono “sufficienti” anche perche’ “e’ irrealizzabile avere una squadra immensa e occorre piu’ senso civico”. Per il ministro c’e’ anche un tema di sicurezza percepita. “Possiamo dirci tra noi addetti ai lavori che i reati sono in diminuzione – spiega – ma non e’ quello che percepiscono i cittadini. E dobbiamo operare perche’ i cittadini si sentano sicuri e possano esercitare il loro diritto a vivere la citta’“.

Controlli contro i raid negli ospedali Napoli

Il ministro dell’Interno , nel corso della conferenza stampa tenuta con il prefetto Carmela Pagano, i responsabili provinciali delle forze di polizia e il sindaco Luigi de Magistris, ha anche annunciato come i presidi ospedalieri saranno controllati dalla sala operativa della questura di Napoli. Per arginare la deriva di aggressioni avuta nei nosocomi napoletani (87 nel 2019). Il ministro ha spiegato che saranno controlli nei singoli ospedali cittadini e che per il “San Giovanni Bosco ci sarà attenzione ancora maggiore”.

A Palazzo Fienga presidio di forze di polizia

Intanto, Palazzo Fienga, bene sequestrato al clan Gionta a Torre Annunziata, nel Napoletano, sarà un presidio delle forze dell’ordine. “Lo Stato c’è ed è un segnale positivo poter assegnare un bene confiscato a un clan alle forze di polizia. C’è su questo unanime condivisione”, ha spiegato ancora il ministro dicendo che prima dell’assegnazione ci saranno indagini tecniche per verificare la praticabilità del progetto.