Martedi’ 28 maggio, insieme alla Feneal-Uil e alla Filca-Cisl di Napoli, saremo in piazza a Roma, davanti a Montecitorio per aderire alla mobilitazione indetta da Cgil, Cisl, Uil per chiedere al Parlamento di non convertire in legge il Decreto 32/2019 che, nei fatti, non sblocca alcun cantiere“.

ad

E’ quanto afferma, in una nota, il segretario generale della Fillea-Cgil di Napoli, Giovanni Passaro. “Questo decreto – precisa Passaro – non interviene sui veri e annosi ostacoli del sistema degli appalti pubblici“.

 

L’idea pessima e malsana di questo governo e’ che le regole non siano degli strumenti di tutela, di controllo e di garanzia dei diritti, soprattutto quelli del lavoro, ma anche strumenti di trasparenza e di prevenzione contro le possibili penetrazioni di sistemi corrotti e mafiosi, ma piuttosto ‘lacci e lacciuoli’ e come tali, frenano la ripresa del comparto edile“.