TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Il prossimo 24 aprile, come annunciato attraverso una massiccia campagna di comunicazione, aprirà i battenti il centro polifunzionale «La Birreria» di Miano. Il caso è ancora al centro di polemiche dovute alla vicenda relativa al pagamento degli oneri di urbanizzazione, da parte del gruppo Cualbu (committente dei lavori) al Comune di Napoli.

Nel frattempo è stata avviata una raccolta firme in tutto il quartiere Miano
ad opera delle decine di precari che chiedono al sindaco di farsi portavoce
della loro istanza: prevedere l’assunzione di ragazzi del posto nel grande
centro commerciale prossimo all’apertura

Nel grande complesso, una cittadella dello shopping nata dalla ristrutturazione dello stabilimento ex Birra Peroni, ci saranno negozi, ristoranti e luoghi di intrattenimento.

«Vorremmo che questo centro commerciale ridivenga per il quartiere una risorsa – spiega Luigi Verde, uno dei promotori della raccolta di firme  –  come lo è stato in passato per i nostri genitori la vecchia birreria che dava da lavorare a centinaia di persone del posto». «Gli interlocutori sono molti e finora per noi è stato difficile trovare dei rifermenti a cui far arrivare la nostra richiesta. Per questo ci rivolgiamo al sindaco affinché  possa fare da tramite e provare a  garantire ai numerosi giovani precari di questo quartiere, ormai senza grandi opportunità di lavoro, un futuro migliore. In poche ore i tre gazebo allestiti hanno raccolto più di 1.550 firme che gli saranno portate nei prossimi giorni», conclude Verde.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT