di Giancarlo Tommasone

Venti funzionari dell’Ente Autonomo Volturno (Eav) promossi ad un inquadramento superiore dallo scorso giugno. Fin qui tutto bene, è una prassi registrata spesso nelle aziende ed adottata in favore di funzionari per merito o per anzianità. Se però l’Eav non fosse una società a partecipazione totalitaria della Regione Campania e sottoposta pertanto a controllo da parte dell’Ente di Palazzo Santa Lucia. Se non esistesse un Regolamento Avanzamenti e Promozioni da rispettare. Nel caso un regolamento che è stato adottato dall’attuale presidente del Consiglio di amministrazione con ordine di servizio numero 58 del primo febbraio 2017.

ad
Il Governatore Vincenzo De Luca, alla consegna di nuovi autobus Eav
Il Governatore Vincenzo De Luca, alla consegna di nuovi autobus Eav

Che cosa stabilisce il regolamento? Che «qualsivoglia avanzamento professionale del personale, con l’attribuzione di un inquadramento e di un trattamento economico superiori, debba avvenire attraverso concorso o selezione pubblica che preveda anche l’espletamento di prove (articolo 5)». Ed è proprio su questo punto che emergerebbe la presunta irregolarità.

UNA PRESUNTA IRREGOLARITA’
ALLA BASE DELLE 20 PROMOZIONI EAV

L’Eav, infatti, con ordine di servizio numero 411 del 14  giugno 2017, avrebbe invece attribuito e accordato promozioni (vale a dire un inquadramento superiore, in molti casi addirittura con parametro massimo previsto dalla relativa contrattazione collettiva) a ben 20 funzionari.

Umberto De Gregorio, presidente Eav, all'interno di uno dei treni
Umberto De Gregorio, presidente Eav, all’interno di uno dei treni

PROMOZIONI EAV
I SINDACATI CHIEDONO RISPOSTE

Per giungere a tutto ciò non sarebbero stati svolti concorsi pubblici o selezioni, «anomalia» che non è sfuggita ad alcune organizzazioni sindacali, che hanno chiesto ragioni di quanto avvenuto alla società. Finora però, nessuno avrebbe risposto alle loro domande. Andando a ricostruire a ritroso gli step di tale iter, ci si rende conto che l’adozione del provvedimento  (quello dei 20 avanzamenti) sarebbe avvenuta in esecuzione delle disposizioni contenute in un altro ordine del giorno. Si tratta di quello numero 100 del 29 maggio 2017 a firma del presidente del Cda di Eav, Umberto De Gregorio.

Severino Nappi, consigliere regionale di Forza Italia
Severino Nappi, consigliere regionale di Forza Italia

Del caso si è occupato anche il consigliere regionale Severino Nappi di Forza Italia che ha presentato una interrogazione diretta al presidente Vincenzo De Luca; un question time «per conoscere quali provvedimenti intenda adottare per la cessazione dei fatti sopra descritti, per l’immediata rimozione dei loro effetti in uno ai responsabili di una condotta di tale gravità, fonte di un significativo danno erariale oltre che lesiva del principio costituzionale di imparziale e leale andamento della Pubblica Amministrazione».