Un sequestro di marijuana

L’uomo aveva versato 50 euro in cambio di marijuana o hashish, ma non si era visto consegnare lo stupefacente né restituire i soldi.

Ha chiamato il 113, verso le 20.30 di giovedì, lamentando di essere stato derubato in via Roma, a Reggio Emilia, all’altezza dell’incrocio con via Dante. Agli agenti della Volante giunti sul posto che sentendo un odore di alcol iniziano a fargli diverse domande, lui – 43enne originario di Torre del Greco, nel Napoletano ma residente a Reggio Emilia e già noto alle forze dell’ordine – ha replicato di aver consegnato a un suo conoscente, un 42enne napoletano anch’egli già noto alle forze dell’ordine, 50 euro in cambio di marijuana o hashish, ma che non si era visto consegnare la droga né restituire i soldi.

Lamentela che l’uomo – mentre gli agenti cercano di sentire pure il 42enne per avere la sua versione dei fatti – ripropone più volte al 113 minacciando anche di farsi giustizia da solo. Nel giro di due ore, il 43enne chiama la centrale della Polizia diciotto volte. E, visto che dai poliziotti non sembra ‘ricevere aiuto’, chiama anche il 112 tenendo così occupate le linee telefoniche, guadagnandosi una denuncia per il reato di interruzione di pubblico servizio.

ad