La foto postata come immagine di copertina sul profilo di Doriana Buonavita (fonte Facebook)

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

di Giancarlo Tommasone

ad

I fiori, gli auguri, atmosfera di festa, come è giusto che sia per un compleanno. Quello della segretaria generale della Cisl Campania, Doriana Buonavita. E’ il 26 maggio scorso, quando sul suo profilo ‘privato’ di Facebook posta una foto di copertina che la ritrae insieme ad operatori della Cisl, sia di Napoli che regionali, che le recano un omaggio floreale.

Nella stessa immagine,
sullo sfondo,
ultimo del gruppo
si può notare
anche Salvatore Denza
(giacca grigia, cravatta scura,
evidenziato
da un cerchio rosso nella foto
che STYLO24
pubblicA in copertina)

Questi, ex funzionario amministrativo della Cisl, lo scorso due maggio (quindi più di 20 giorni prima che venisse postata la foto da Buonavita), è stato raggiunto, insieme a Lina Lucci (ex segretario generale della Cisl Campania), da un avviso di conclusione delle indagini preliminari emesso dalla Procura di Napoli, per presunte irregolarità. Il reato ipotizzato dal pm Giuseppe Cimmarotta, titolare dell’inchiesta, è di appropriazione indebita.

All’inizio dello scorso settembre, inoltre,
per gli stessi fatti, sia Denza che Lucci
sono stati rinviati a giudizio

In particolare, Denza, è accusato di essersi appropriato, in un periodo che va dal 2013 al 2016, «di una somma (totale) pari a 172.455 euro, allo stesso bonificata dai conti correnti della Cisl Campania per incarichi svolti presso Fondi Interprofessionali ed altri soggetti rientranti nelle attività e funzioni del sindacato, in violazione dell’obbligo di versamento giusta delibera, del Comitato esecutivo confederale Cisl, del 16-17 novembre 1987, che impone il versamento dei relativi compensi alla Confederazione sindacale di appartenenza».

Partiamo dal presupposto che ognuno
è innocente fino a prova contraria

Sull’opportunità di postare e di continuare a tenere in copertina, una foto in cui compare insieme a una persona indagata e rinviata a giudizio per presunta appropriazione indebita nell’ambito della Cisl Campania, di cui è segretaria, Stylo24 ha raccolto le considerazioni proprio di Doriana Buonavita: «Non capisco tutto questo clamore attorno a una foto, che tra l’altro è stata pubblicata sul mio profilo personale. Quel giorno mi sono venuti a fare gli auguri di compleanno operatori, dirigenti sindacali, i miei colleghi di segreteria della Cisl» e tra essi anche Denza. «Denza è un dipendente della Cisl che non ha un ruolo politico. Sono venuta a conoscenza del fatto che fosse stato rinviato a giudizio da organi di stampa, ma al momento non abbiamo ricevuto comunicazione ufficiale», sottolinea Buonavita.

La risposta di Doriana Buonavita

«Nel momento in cui dovesse arrivare comunicazione ufficiale, saremo nelle condizioni di fare delle valutazioni e di poter prendere eventuali provvedimenti che la norma in materia ci potrebbe portare a prendere, nei confronti del dipendente in oggetto. Nel momento in cui avremo dette comunicazioni, seguiremo gli step previsti dalla legge e agiremo senza fare sconti a nessuno». Sull’opportunità di quella foto, il segretario taglia corto: «L’ho pubblicata sul mio profilo personale e posso postare foto insieme a chi ritengo. Quell’immagine non è stata certo diffusa dal profilo ufficiale della Cisl Campania, di cui sono segretaria», conclude Buonavita.

Denza, da accusatore a imputato

Tornando a Salvatore Denza, per la cronaca, è colui che ebbe un ruolo fondamentale per far scoppiare il caso dei presunti ammanchi. L’indagine fu avviata a dicembre del 2016, tra l’altro, Denza, secondo la ricostruzione dei fatti, sarebbe stato autore di alcune registrazioni avvenute durante colloqui all’interno degli uffici della sede regionale del sindacato. Inoltre è sempre lui, che, annotano i magistrati, affida il dossier all’allora commissario della Cisl, Piero Ragozzini, che a sua volta porta l’incartamento in Procura. Dal ‘faldone’ emergeranno poi elementi relativi a una presunta appropriazione indebita da parte dell’ex segretaria della Cisl Campania, Lina Lucci. Nel corso del tempo, dunque, Denza si trasformerà da accusatore in accusato.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

1 commento

Comments are closed.