venerdì, Ottobre 7, 2022
HomeNotizie di SocietàChiudono i Domino's Pizza in Italia: «Non si batte la tradizione». Briatore...

Chiudono i Domino’s Pizza in Italia: «Non si batte la tradizione». Briatore farà la stessa fine?

“Chiudono tutti i Domino’s Pizza in Italia, sommersi dai debiti e sconfitti dalla concorrenza locale, che negli ultimi anni ha beneficiato dell’espansione dei foot-delivery. Addio quindi alla pizza hawaiana, ai “pepperoni”, all’ananas e al bordo ripieno di formaggio, ma addio anche a molti posti di lavoro. Gli americani – si apprende dal profilo Facebook del giornalista Angelo Forgione – si erano limitati a mettere piede al Nord e a Roma, ma la conquista del nostro Settentrione e della Capitale è fallita. Cercare di penetrare in Italia si è rivelato un azzardo. L’avventura nel paese della pizza, o meglio, del paese della città che ha proiettato la pizza nel mondo, era iniziata nel 2015 da Milano, con previsioni più che rosee: una quota del 2% del mercato e 880 ristoranti entro il 2030. E invece l’avventura finisce nel 2022, dopo aver messo solo una trentina di bandierine tra le province settentrionali di Milano, Monza, Torino, Bologna, Parma, Piacenza, Verona e Vicenza, ma anche a Roma.

Chiudono i Domino’s Pizza in Italia: presto Briatore «farà la stessa fine?»

Il Washington Post ha definito la chiusura delle pizzerie di Domino’s in Italia una vittoria della tradizione locale. E con le pizzerie napoletane che conquistano il Nord, è l’ortodossia partenopea, patrimonio immateriale Unesco, a fare da capofila nella resistenza all’americanizzazione, proprio mentre l’istituto americano di neuroscienze fa sapere che la napoletana è diventata lo stile di pizza più apprezzato negli States”.

Guai a sfidare la tradizione

A questo punto vien da chiedersi se anche la Crazy Pizza di Briatore non sia destinata a fare la stessa infausta fine. Briatore ha attaccato i pizzaioli napoletani e lo ha fatto, presumibilmente, per farsi un po’ di sana pubblicità. Ma ne sarà valsa veramente la pena? Siamo certi che mettere alla berlina una tradizione secolare non possa scatenare un effetto boomerang che travolge Briatore e la sua pizza (peraltro ignorata dalle classifiche degli esperti) proprio come è successo agli americani di Domino? Chi vivrà vedrà.

Articoli Correlati

- Advertisement -