domenica, Luglio 3, 2022
HomeNotizie di PoliticaDiventa un caso la candidatura di Pietro Lauro

Diventa un caso la candidatura di Pietro Lauro

Il consigliere di Municipalità annuncia: «Sono stato assolto». Ma il suo legale lo smentisce

Ha assunto tutta la parvenza di un vero e proprio caso la candidatura di Pietro Lauro, consigliere uscente della Municipalità 5 Vomero-Arenella, eletto cinque anni fa con “Prima Napoli” e successivamente trasmigrato nel gruppo “Fratelli d’Italia”.

Intervistato da Stylo24, infatti, sulla possibilità di ricandidarsi, Lauro afferma: “Certo che mi ricandido, assolutamente”. E in merito alla sua posizione giudiziaria ribadisce di essere “candidabile al 100%, perché sono stato assolto in tutte le sedi opportune dopo quei problemi di natura familiare, ci tengo a dirlo, non politica, che mi hanno visto purtroppo protagonista. Non avrei mai avanzato la mia candidatura se così non fosse”. Ricordiamo che, nel 2019, il consigliere è stato raggiunto da una ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari per presunti maltrattamenti in famiglia.

“Anche quello spiacevole episodio con lo street-artist Jorit – prosegue – è stato chiarito e posso dire che siamo amici. Oggi ho l’onore e il piacere, e sono fiero di appoggiare come candidato sindaco Catello Maresca, un magistrato con gli attributi, a differenza di chi ha amministrato la città negli ultimi dieci anni”.

Dichiarazioni, in merito a una sua assoluzione, che, però, non collimano con la versione del suo legale, l’avvocato Attilio Borricelli, che, contattato da Stylo24, ha affermato: “Pur preferendo non entrare in un discorso politico, perché non è oggetto della mia attività, posso dire che Pietro Lauro non è stato condannato, ma neanche assolto”.

Leggi anche...

- Advertisement -