TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Dal Canton Ticino a Napoli, più precisamente a Pomigliano D’Arco, il viaggio di certo non è dei più comodi, ma la motivazione per gli studenti dell’Istituto Fogazzaro di Breganzona, che da anni prepara i giovani ticinesi alla maturità italiana, è senza dubbio “valida” per giustificare i chilometri da percorrere. La promozione, infatti, sarebbe assicurata. E’ quanto avrebbe scoperto il programma d’inchiesta ‘Falò’, che attraverso le immagini della televisione Svizzera Italia (RSI), ha raccontato la vicenda che sta vedendo come protagonisti, appunto, 54 studenti del Canton Ticino.

Va chiarito subito, che il diploma oltre confine è una prassi frequente da quelle parti, assolutamente legale e riconosciuta anche dalle università svizzere. Le sedi degli esami sono vicine, si va da Como a Varese. Ma, solo nel caso del Fogazzaro qualcosa cambia, stona verrebbe da dire. Sì perché il 90% dei candidati sceglie di andare, e ciò avviene da molti anni, a Pomigliano D’Arco. “La promozione è assicurata. Al momento dell’esame – raccontano alcuni ragazzi nel servizio – i professori passano le risposte sottobanco”. E il tutto avviene per la cifra di 3mila euro.

 

La scuola di riferimento del Fogazzaro è l’Istituto privato Giuseppe Papi. Dal quale, però, il tutto viene bollato come “sciocchezze”. Ma, nonostante, appunto, le smentite, le autorità scolastiche locali hanno fatto sapere che il Liceo è sotto sorveglianza per gravi irregolarità rilevate dagli Ispettori durante le sessioni di esami. E anche la Procura di Nola ha avviato un’inchiesta su quelli che sembrano essere veri e propri ‘diplomifici’ a Pomigliano.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT