Diego Demme, centrocampista azzurro, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Kiss Kiss Napoli, radio ufficiale del club

di Stefano Esposito

“Sto molto bene, mi sono trovato subito bene in città e con la squadra, al di là del periodo della quarantena che è stato un po’ faticoso, come per tutti. Sono molto contento del percorso della squadra. In questo momento giochiamo un ottimo calcio, ci esprimiamo al meglio. Speriamo di continuare così”.

ad

Champions League

“Nella partita d’andata abbiamo fatto vedere di poter essere all’altezza del Barcellona. Tutto è possibile contro qualsiasi avversario, anche se il Barça è una squadra che non ha bisogno di presentazioni”.

Su Gattuso

“Sono stato qui a dicembre scorso con un amico e mia moglie per visitare la città e non per il calcio. Nel primo incontro con Gattuso sono stato molto bene e anche adesso sto benissimo”.

Sulla prossima partita

“E’ una squadra che conosco bene. L’andamento del Napoli in questo momento è migliore. Sicuramente proveremo a fare un’ottima partita cercando di portare a casa i tre punti”.

Rangnick al Milan

“Potrebbe portare tante novità. E’ un perfezionista, cerca di tirare sempre fuori il meglio dai calciatori. E’ convinto che se riesci a perfezionare ogni parte della vità quotidiana uscirà anche il risultato migliore. Al Lipsia ha fatto grandi risultati e potrebbe fare lo stesso anche al Milan”.

Coppa Italia

L’anno prossimo potete puntare allo scudetto? “In questo momento sono felice di quanto fatto in Coppa Italia. Secondo me adesso c’è un percorso importante davanti in campionato e Champions League. Ci sono tutte le carte in regola per iniziare bene l’anno prossimo, ma dirlo adesso sarebbe prematuro”.

E’ vero che ti chiami Demme perché tuo padre è innamorato di Maradona?

“Sì, è un gran tifoso di Maradona”.

Le differenze più grandi tra Italia e Germania?

“La qualità di vita a Napoli, col mare e tutti i posti fantatistici che ci sono, con il cibo che offre la città, non ha paragoni. La ciliegina sulla torta è il fatto che la gente quando vinci ti porta alle stelle, c’è tanto calore”.

E’ per questo che hai fatto nascere tua figlia a Napoli?

“Anche per questo. Per il passaporto è meglio nascere a Napoli che in una piccola città della Germania”